FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Putin alle imprese italiane: "Vi forniamo gas a prezzi inferiori di quelli di mercato" | L'Ue: "Incontro inopportuno"

All'evento organizzato dalla Camera di commercio italo-russa erano presenti sedici grandi aziende italiane. Bruxelles: "Nessun interesse economico può giustificare un'iniziativa del genere ora"

L'incontro online di alcuni dei maggiori gruppi industriali italiani con il presidente russo Vladimir Putin è "inopportuno". La condanna arriva da un'alta fonte Ue citata dall'agenzia Ansa, dopo gli imbarazzi e le polemiche delle ultime ore. Nessun interesse economico, secondo i vertici dell'Unione, può giustificare un'iniziativa del genere in questo momento. E nemmeno nessuna esigenza di approvvigionamento energetico. L'incontro virtuale era stato organizzato dalla Camera di commercio italo-russa.

Sul tavolo la questione gas

Un'iniziativa che non può essere accettata, ha insistito la fonte a Bruxelles, al culmine di una crisi in cui Mosca "sta intimidendo l'Ucraina e cerca di minare le fondamenta della sicurezza in Europa". Aprendo l'incontro, Putin ha usato l'arma del gas, avvertendo che la Russia è "un fornitore affidabile di energia ai consumatori italiani", e continua anzi a vendere all'Italia gas a "prezzi molto più bassi di quelli di mercato" grazie ai contratti a lunga scadenza con Gazprom.

 

 

Sedici le aziende italiane presenti

Secondo quanto fatto trapelare dal Cremlino, sono state sedici le grandi imprese italiane rappresentate all'incontro. Solo tre hanno rinunciato. Ufficialmente non sono stati resi noti i nomi né delle une né delle altre, perché, ha affermato il portavoce Dmitry Peskov, ci sono state "pressioni di qualcuno su qualcun altro". Un modo per citare, senza citarlo, l'intervento di Palazzo Chigi trapelato su alcuni media, secondo i quali almeno alle aziende partecipate dallo Stato sarebbe stato chiesto di non prendere parte all'iniziativa. Peskov ha fatto comunque salvo il bon ton diplomatico, premurandosi di dire che il governo russo non ha ricevuto da quello italiano alcuna comunicazione ufficiale in proposito, e quindi non vale la pena di prendere in considerazione gli articoli dei giornali, perche' "non hanno molta importanza".

 

Putin affiancato da otto ministri del suo governo

Solo una la rinuncia annunciata ufficialmente, quella dell'Eni, mentre non è stato chiarito quale siano state le altre defezioni tra la nutrita lista circolata precedentemente, che comprendeva tra gli altri Enel, Unicredit, Intesa, Generali e Danieli, il gruppo siderurgico che solo la settimana scorsa ha firmato con la russa Magnitogorsk Iron Steel Works PJSC (Mmk) un contratto da 100 milioni di euro per la costruzione di quattro forni. Alla vigilia era stata annunciata anche la partecipazione di Marco Tronchetti Provera, presidente di Pirelli e co-presidente del Comitato imprenditoriale italo-russo, che con la Camera di commercio italo-russa, presieduta da Vincenzo Trani, ha promosso l'iniziativa. Foltissima la delegazione russa, con Putin affiancato da ben otto ministri titolari di dicasteri chiave.

 

Gli accordi con Mosca sulla fornitura di gas: "Prezzi di favore"

Lo zar è partito ricordando che "l'Italia è uno dei principali partner economici della Russia". Il terzo per interscambio commerciale in ambito Ue, con un valore totale di oltre 20 miliardi di dollari solo nei primi nove mesi del 2021. Mentre gli investimenti italiani in Russia sono pari a 5 miliardi di dollari e quelli russi in Italia a 3 miliardi. Ma è, appunto, sui rifornimenti di gas che il capo del Cremlino ha insistito maggiormente, ricordando i prezzi di favore praticati grazie alla collaborazione di lunga data con Mosca, nonostante le quotazioni di mercato "significativamente aumentate per la stagione invernale e la carenza di offerta". Tradotto: in assenza di questi buoni rapporti, gli italiani si troverebbero a far fronte a rincari delle bollette ben più gravosi di quelli di oggi. 

 

 

Camera di commercio italo-russa: "Evitare retorica politica"

Oltre a questo, comunque, ci sono gli interessi di oltre 500 aziende a capitale italiano attive nel mercato russo. "La vita va avanti comunque", nonostante tutte le crisi politiche, ha affermato il portavoce del Cremlino Peskov. E Vincenzo Trani, presidente della Camera di commercio italo-russa, gli ha fatto eco sostenendo che "il dialogo economico-imprenditoriale tra Italia e Russia" è "fondamentale", e deve quindi continuare "lasciando da parte la retorica politica". 

 

Usa: "Anche l'Italia è con noi sulle sanzioni a Mosca" Sull'incontro è intervenuto anche un portavoce del Dipartimento di Stato americano. "Gli Stati Uniti sono ampiamente impegnati nella diplomazia con i loro alleati e partner, compresa l'Italia - ha detto -. Gli Usa, il G7, l'Ue e la Nato hanno detto tutti che siamo uniti e pronti a imporre costi severi alla Russia se invade ulteriormente l'Ucraina".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali