FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Omicidio di George Floyd, l'agente Chauvin ammette di aver violato i diritti civili della vittima

Il 46enne afroamericano è morto il 25 maggio 2020 a Minneapolis, in Minnesota, durante un fermo della polizia

Derek Chauvin George Floyd
Ansa

Derek Chauvin, l'agente di polizia condannato a 22 anni e mezzo per l'uccisione dell'afroamericano George Floyd, si è dichiarato colpevole di aver violato i diritti civili della vittima. In riferimento al ginocchio premuto per nove minuti sul collo del 46enne, che ne ha poi causato il decesso per asfissia, il poliziotto ha riconosciuto l'uso eccessivo della forza.

E' la prima volta che Chauvin ammette le proprie responsabilità, dopo che inizialmente si era proclamato innocente nel processo per accuse federali. Nell'altro processo, quello per la morte di Floyd, l'agente ha invece respinto le accuse di omicidio e ha presentato appello.

 

Secondo le accuse, Chauvin privò Floyd dei suoi diritti inginocchiandosi sul suo collo mentre quest'ultimo era ammanettato e non opponeva resistenza. E' inoltre accusato di omissione di soccorso per non aver prestato assistenza medica.

 

Floyd morì durante un fermo di polizia avvenuto il 25 maggio 2020 a Minneapolis, in Minnesota. Un video che mostrava il suo arresto e la sua morte divenne rapidamente virale, provocando una massiccia protesta pubblica contro la brutalità della polizia e il razzismo e dando vita al movimento Black Live Matter.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali