FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, Bruxelles apre allʼItalia: "Discuteremo sui ricollocamenti in Ue"

Il commissario Dimitris Avramopulos incontrerà il governo per valutare le soluzioni da mettere in campo

Migranti, Bruxelles apre all'Italia: "Discuteremo sui ricollocamenti in Ue"

Bruxelles è pronta a incontrare l'Italia per discutere sui ricollocamenti dei migranti. E' il commissario alle Migrazioni Dimitris Avramopoulos a dichiarare la disponibilità a confrontarsi con "il governo italiano" per approntare "misure supplementari che possano essere prese per regolare il problema" a livello europeo.

L'annuncio arriva dalla portavoce della commissione, Natascha Bertaud, che dice di essere "sollevata" dopo lo sbarco a Malta delle 49 persone a bordo delle due navi ong, Sea Eye e Sea Watch, dopo giorni in mare in attesa di un porto sicuro dove lasciare i profughi.

Il premier Giuseppe Conte intende da parte sua portare a Bruxelles il nodo del mancato rispetto di molti Paesi Ue degli impegni presi di accogliere una parte dei migranti sbarcati in Italia. Una problematica su cui Matteo Salvini insiste particolarmente, scagliandosi in particolare contro Malta, che non avrebbe mai accolto i 50 di cui si sarebbe dovuta far carico dopo lo sbarco di Pozzallo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali