FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il sindaco di Bucha a "Quarto Grado": "Abbiamo trovato 456 corpi di civili nelle fosse comuni"

Anatolii Fedoruk, ospite per la prima volta in uno studio televisivo italiano, parla del massacro avvenuto nella sua città: "La maggioranza degli uccisi sono stati fucilati e torturati"


Per la prima volta in uno studio televisivo italiano,

Anatolii Fedoruk

, sindaco di

Bucha

è a

"Quarto Grado"

 per parlare del massacro avvenuto nella cittadina ucraina diventata simbolo del conflitto con la Russia: "Abbiamo trovato

456 corpi di civili nelle fosse comun

i, ma ogni giorno dobbiamo aggiungere qualcuno. La maggioranza degli uccisi sono stati fucilati e torturati. Abbiamo poi scoperto in altri angoli della città diversi crimini dei russi. Quello che più ci ha sconvolto, e che tutto il mondo ha visto, si trova vicino il loro quartier generale. Proprio lì, sottoterra, hanno accatastato come della legna i corpi dei civili, legati e fucilati".


 


 



 


 


Intervistato da

Gianluigi Nuzzi

, Fedoruk si dice spaventato dalle bugie e dalle

fake news

dei

russi

. Tra queste c'è la storia del

drappo bianco

presente sulle braccia e caviglie dei cadaveri. Per Mosca sarebbe stato un 

simbolo filo-russo

, ma per il primo cittadino di Bucha quel drappo avrebbe dovuto significare altro: "Ci hanno chiesto d'indossarlo per identificare i civili impegnati in operazioni, come la fornitura di derrate alimentari - racconta

Anatolii Fedoruk

.

 

I cadaveri che tutto il mondo ha visto per le strade di Bucha non appartengono ai russi ma ai civili ucraini. Purtroppo però pur indossando il drappo non sono stati risparmiati. Sulla strada che si allontana da Bucha e porta a Kiev, c'è stata una vera e propria carneficina. Abbiamo provato a prendere i corpi per seppellirli nei cortili delle case, ma non è stato facile. Alcuni russi si sono finti medici per prendere i corpi e portarli via".


E alla domanda del

giornalista di Rete 4

sul che cosa possiamo fare noi occidentali per gli ucraini, il

sindaco di Bucha

risponde: "Prima di tutto dovete capire che questa guerra non è da qualche parte in Ucraina ma è all'est dell'Europa. Dobbiamo restare coesi, la Russia ci punisce perché siamo dei democratici, ma noi siamo pronti a morire per quei valori che hanno unito l'Europa".


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali