LA GIORNATA IN TEMPO REALE

Wagner si ferma a 200 chilometri da Mosca | Cremlino: "Non perseguiremo Prigozhin e i suoi mercenari, Putin riconoscente a Lukashenko"

Prigozhin: "Torniamo indietro per non spargere sangue". Il presidente bielorusso Lukashenko ha negoziato con il capo del gruppo Wagner "lo stop delle truppe" 

di Redazione online
25 Giu 2023 - 00:59
LIVE
Ultimo aggiornamento: un anno fa
1 di 32
© Telegram © Telegram © Telegram © Telegram

© Telegram

© Telegram

La guerra in Ucraina giunge al giorno 486. Dopo essersi ribellata, la brigata Wagner ha fermato la sua avanzata a 200 chilometri da Mosca. "Torniamo indietro per non spargere sangue", ha spiegato il capo dei mercenari, Yevgeny Prigozhin. Prima dell'annuncio, sono state ore di grande tensione nella Capitale russa: in molti sono scappati, tanto che i biglietti aerei verso l'estero sono risultati esauriti e si è registrata una massiccia evacuazione degli edifici pubblici. Putin in tv aveva dichiarato: "Pugnalati alle spalle". Ma poi la ribellione è rientrata. Il capo del gruppo andrà in Bielorussia, e le accuse contro di lui e contro i suoi mercenari verranno ritirate, ha quindi annunciato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov. Sempre il Cremlino ha reso noto che Putin "è riconoscente a Lukashenko" per la sua mediazione. Intanto, l'Ucraina ha annunciato di aver lanciato un'offensiva in più direzioni sul fronte orientale.


"I combattenti della Wagner hanno lasciato Rostov sul Don". Lo ha scritto il governatore della regione Vasily Golubev su Telegram, secondo quanto riporta l'agenzia Ria Novosti. 


Il fondatore della compagnia paramilitare Wagner, Evgeny Prigozhin, andrà in Bielorussia e l'accusa di incitamento all'insurrezione armata contro di lui verrà fatta cadere. Lo ha riferito il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov. L'accordo raggiunto prevede il ritorno dei mercenari del gruppo Wagner ai loro campi. Coloro che lo vorranno, potranno firmare contratti con il ministero della Difesa russo, a patto che non abbiamo preso parte al tentativo di insurrezione. Quelli che invece lo hanno fatto non saranno comunque perseguiti penalmente, alla luce dei loro meriti guadagnati sul fronte. 


Vladimir Putin è "riconoscente" verso il presidente bielorusso Alexander Lukashenko per il suo ruolo di mediatore presso la Wagner". Lo riferisce il Cremlino. 


"La fallita ribellione di Wagner non influenzerà in alcun modo" l'offensiva russa in Ucraina. Lo afferma il Cremlino.


L'inchiesta penale contro Yevgeny Prigozhin sarà sospesa e il capo della Wagner andrà in Bielorussia. Lo annuncia il Cremlino, riporta la Tass. 


La Russia non perseguira' penalmente i combattenti di Wagner. Lo rende noto il Cremlino.


"I presidenti di Bielorussia e Russia hanno parlato di nuovo al telefono. Alexander Lukashenko ha informato in dettaglio Vladimir Putin sui risultati dei negoziati con la leadership di Wagner. Il presidente della Russia ha sostenuto e ringraziato il suo omologo bielorusso per il lavoro svolto". Lo riferisce il servizio stampa del leader bielorusso secondo quanto riportato dall'agenzia Belta. 


"Stop Wagner? Meno morti ci sono, meglio è". Lo ha detto del ministro degli Esteri, Antonio Tajani, commentando la notizia secondo cui i mercenari della Wagner hanno fermato la loro avanzata verso Mosca. 





I miliziani della Wagner sono arrivati "a 200 chilometri da Mosca" ma ora fanno "marcia indietro", tornando verso sud per evitare "spargimento di sangue russo" da una parte o dall'altra. Lo afferma in un nuovo audio Yevgeny Prigozhin.


Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko afferma di aver negoziato con Prighozhin "lo stop ai movimenti" delle truppe di Wagner, stando a quanto diffuso via Telegram, e che il capo della milizia ha accettato.


"Dirò in russo: l'uomo del Cremlino è ovviamente molto spaventato e probabilmente si nasconde da qualche parte, senza mostrarsi. Sono sicuro che non è più a Mosca. Chiama da qualche parte, chiede qualcosa da lì... Sa di cosa ha paura, perché lui stesso ha creato questa minaccia": lo ha detto in un discorso serale alla nazione il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky.


L'Ucraina ha lanciato un'offensiva in più direzioni sul fronte orientale: lo annuncia il ministro della Difesa di Kiev.


La regione di Mosca ha sospeso tutti gli eventi di massa all'aperto per una settimana, fino all'1 luglio. Lo hanno annunciato le autorità locali, scrive la Bbc.


Il leader Usa Joe Biden ha parlato oggi con il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il primo ministro britannico del Regno Unito Rishi Sunak per discutere della situazione in Russia e affermare il loro "incrollabile sostegno" all'Ucraina. Lo fa sapere la Casa Bianca.


Le stazioni ferroviarie di Rostov-sul-Don sono sovraffollate di persone che vogliono lasciare la città. Lo riportano alcuni media russi, tra i quali il Kommersant che, citando un suo corrispondente, parla della stazione suburbana dove si registrano grandi code. Il media pubblica anche un video in cui centinaia di persone sono in attesa vicino ai binari. Secondo il governo regionale, la stazione degli autobus funziona normalmente. "La vendita dei biglietti è stata sospesa per le destinazioni in cui il traffico è temporaneamente bloccato", ha dichiarato il servizio stampa.


Il sindaco di Mosca, Serghei Sobyanin, ha invitato i cittadini a limitare gli spostamenti in città perché è possibile l'interruzione del traffico in alcuni quartieri. Lo riferisce Interfax. "La situazione è difficile", scrive il sindaco su Telegram.


Il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev, non esclude la partecipazione di stranieri e di unità di élite delle forze armate russe nella pianificazione dell'ammutinamento delle milizie Wagner di Yevgeny Prigozhin. "Dato l'alto livello dei preparativi, il coordinamento professionale delle azioni e la qualità del controllo dei movimenti delle truppe, si può sospettare la presenza di un piano militare ben ponderato e la partecipazione di persone che in precedenza avevano prestato servizio in unità d'élite delle Forze armate russe, molto probabilmente specialisti stranieri", ha detto citato dalla Tass.


Lunedì a Mosca sarà una giornata non lavorativa. Lo ha annunciato il sindaco, Serghei Sobyanin, citato dall'agenzia Tass.


"Tutti gli scopi e gli obiettivi della operazione militare speciale" in Ucraina "saranno raggiunti" nonostante "la tentata ribellione armata" in Russia. Lo afferma il ministero degli Esteri russo in una nota.


Il ministero degli Esteri russo ha messo in guardia i Paesi occidentali dal volere usare la situazione interna russa per "raggiungere i loro scopi russofobi". Lo si legge in un comunicato. "Siamo convinti - si legge ancora nella nota - che in un prossimo futuro la situazione troverà una soluzione".


Le truppe e le attrezzature del gruppo paramilitare Wagner "si stanno spostando attraverso il territorio della regione di Lipetsk". Lo scrive su Telegram il governatore del Lipetsk, Igor Artamonov. "Le forze dell'ordine e le autorità, comprese quelle dei comuni, stanno adottando tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza della popolazione. La situazione è sotto controllo. Non ci sono guasti nel funzionamento delle infrastrutture critiche", ha aggiunto.


Una fonte vicina allo stato maggiore delle forze armate russe ha detto al sito iStories che Vladimir Putin punta a "eliminare" il leader del gruppo paramilitare Wagner, Prigozhin, e offrire l'amnistia a tutti i combattenti Wagner. Lo riporta il quotidiano indipendente Meduza. Secondo la fonte, Putin non dispone delle forze necessarie per fermare l'avanzata di Prigozhin a Mosca e starebbe assemblando un gruppo dalle unità non impiegate al fronte (formazioni cecene, Guardia nazionale, ministero degli Affari interni e servizio per la sicurezza) proprio a tale scopo. 


Vladimir Putin ha firmato una legge che consente detenzioni fino a trenta giorni per chi viola la legge marziale dove viene imposta. Lo ha riferito l'agenzia di stampa Ria Novosti. 


La Lettonia ha chiuso il confine con la Russia. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Edgars Rinkevics. "La Lettonia segue da vicino l'evolversi della situazione in Russia - ha scritto su Twitter - e sta scambiando informazioni con gli alleati. La sicurezza delle frontiere è stata rafforzata, il visto o l'ingresso alla frontiera dei russi che lasciano il loro Paese a causa degli eventi in corso non saranno presi in considerazione. Al momento nessuna minaccia diretta per la Lettonia". 


A Mosca è in corso una massiccia evacuazione degli edifici pubblici, a causa dell'avanzata del Gruppo Wagner verso la capitale russa. Lo riporta la Bbc Russia postando anche video di persone che lasciano velocemente edifici e musei vicini al Cremlino come la Galleria Tretyakov, il Museo Pushkin e la Casa della Cultura Ges-2. A Mosca sono stati evacuati anche il centro commerciale Mega Belaya Dacha e il centro commerciale Kvartal.


"Non è il momento di parlare di evacuazione di italiani perché nessun Paese del G7 o europeo ha pensato a questo. Abbiamo chiesto di proteggere le ambasciate dei Paesi occidentali al governo della Federazione russa ma nulla più. Adesso non ci sono pericoli per i nostri cittadini in questo momento, quindi l'evacuazione non è prevista, ma seguiamo la situazione minuto per minuto". Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Antonio Tajani.


La regione russa di Kaluga, a sud di Mosca, ha introdotto restrizioni ai movimenti al suo interno. Lo riferisce il governatore della regione. "La sede operativa ha deciso di introdurre temporaneamente restrizioni al trasporto automobilistico sulle strade della regione situate vicino ai territori confinanti con le regioni di Tula, Bryansk, Orlov e Smolensk" che sono a sud, est e ovest di Kaluga, ha detto il governatore Vladislav Chapcha. La capitale regionale di Kaluga si trova a 180 km da Mosca. 


Le truppe ucraine hanno liberato posizioni nel Donbass conquistate dai russi nel 2014: lo scrive Valery Shershen, portavoce delle forze armate ucraine del comando sud (Tavria) citato dal canale Telegram di Rbc-Ucraina. "Vicino a Krasnohorivka, in seguito a un contrattacco ben pianificato, le nostre unità d'assalto hanno preso il controllo di diverse posizioni che erano detenute (dai russi) dal 2014. Parliamo dell'autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, vicino alla stessa città di Donetsk", scrive Shershen.  


I mercenari della Wagner "possono ancora deporre le armi ed evitare la punizione, visti i loro meriti precedenti in ucraina". Lo ha detto il presidente della commissione della Duma di Stato per l'edilizia statale e la legislazione Pavel Krasheninnikov nell'ultimatum arrivato da Mosca. Annunciata la chiusura per motivi tecnici del Museo Pushkin, il principale museo moscovita, per motivi tecnici, fino a fine giornata. Mentre a Nizhny Novgorod il concerto del cantante russo Bilan, che avrebbe dovuto svolgersi in serata, è stato annullato, nonostante si trattasse della cerimonia di chiusura della Giornata della Gioventù. 


"Certamente le notizie che giungono dalla Russia sono impressionanti. Le informazioni che vediamo nelle tv di mezzo mondo, sui siti e sui social sono molto frammentate e in parte anche soggette a propaganda tra le parti e quindi credo che la prudenza per analisi definitive sia d'obbligo. Ciò che mi pare certo è che sia un'altra drammatica conferma che la decisione scellerata di Putin dell'ingiustificata guerra all'Ucraina si dimostra sempre più un fallimento strategico che, oltre a infliggere indicibili sofferenze al popolo ucraino, sta avendo conseguenze interne dagli esiti ancora imprevedibili". Lo dice il presidente del Copasir Lorenzo Guerini, commentando la situazione in Russia.  "Da parte nostra - aggiunge - dobbiamo continuare a sostenere la resistenza dell'Ucraina a difesa della libertà e della sua sovranità territoriale".
 


L'Autorita' russa di controllo delle telecomunicazioni ha bloccato i social network del Gruppo Wagner per impedire la diffusione di appelli a partecipare alla rivolta dei mercenari guidati da Yevgeny Prigozhin. Lo riporta la Tass.


Il sostegno degli Stati Uniti all'Ucraina "non cambierà". Lo ha detto il portavoce del dipartimento di Stato americano, Matthew Miller, in una nota sul caos in Russia.


Gli Stati Uniti stanno lavorando "in stretto coordinamento con i loro alleati" sulla situazione in Russia. Lo riferisce il dipartimento di Stato americano.




Diversi canali Telegram legati all'opposizione russa riferiscono di un intenso traffico aereo da Mosca verso San Pietroburgo. Gli aerei in questione sarebbero tutti mezzi dei massimi vertici istituzionali russi, fra cui uno del presidente Vladimir Putin. In precedenza il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov, aveva smentito le indiscrezioni secondo cui il capo dello Stato avrebbe lasciato Mosca per trasferirsi in una delle sue residenze private situate in altre regioni russe. Secondo il canale Telegram del gruppo dissidente bielorusso "Nexta", tuttavia, avrebbero lasciato Mosca anche gli aerei del premier russo, Mikhail Mishustin, e del ministro dell'Industria e del Commercio, Denis Manturov. Altri canali legati alla dissidenza, inoltre, riportano che anche il velivolo del vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitrij Medvedev, avrebbe lasciato la capitale russa.


Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha espresso "pieno sostegno" a quello russo Vladimir Putin in merito alla situazione nel Paese. Lo riferisce il Cremlino dando notizia di una telefonata tra i due leader, secondo Interfax.


Sono andati esauriti tutti i biglietti aerei da Mosca per l'estero. Lo scrive il media russo Baza. Non ci sono più biglietti diretti da Mosca a Istanbul, Astana e Tbilisi, scrive Baza. Sono rimasti solo pochi biglietti con uno o due scali. Un volo diretto per Erevan ha un costo due volte decuplicato: 198mila rubli (oltre 2mila euro) al posto dei soliti 10mila rubli (100 euro circa).


"Ho avuto una chiamata con i ministri degli Esteri del G7 per uno scambio di opinioni sulla situazione in Russia. In vista del Consiglio Affari Esteri dell'Ue di lunedì, mi sto coordinando all'interno dell'Unione Europea e ho attivato il centro di risposta alla crisi. Il nostro sostegno all'Ucraina continua senza sosta". Lo scrive in un tweet l'Alto Rappresentante Ue per la Politica Estera Josep Borrell.


Il leader del gruppo paramilitare russo Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha accusato l'esercito russo di attaccare le sue forze che stanno avanzando in Russia. "Siamo stati colpiti: prima da colpi di artiglieria e poi da elicotteri", ha detto Prigozhin in un post su Telegram, senza però fornire prove o precisare dove sarebbero avvenuti gli attacchi. Un testimone citato dalla Reuters ha riferito di un convoglio del gruppo Wagner preso di mira da elicotteri russi lungo l'autostrada M4, fuori dalla città di Voronezh, circa 460 chilometri a sud di Mosca.


Il leader della brigata Wagner Prigozhin afferma che le sue truppe sono entrate a Rostov senza sparare un solo colpo e che nessuno è stato ucciso in quella che lui definisce una "marcia della giustizia". In una nuova dichiarazione audio ha detto che "non abbiamo toccato un solo coscritto, non abbiamo ucciso una sola persona". Ha aggiunto poi che l'aviazione russa ha preso di mira le sue truppe, ma sono comunque riusciti a prendere il quartier generale militare a Rostov "senza un solo colpo di pistola". 


"Il Cremlino ha cercato di negoziare con Prigozhin ieri sera. Ha ricevuto una telefonata dall'ufficio stampa, non da Putin, che gli suggeriva di fare marcia indietro e di spiegare tutti i suoi post con l'hacking e la falsificazione della voce". Lo ha dichiarato una fonte vicina all'amministrazione presidenziale a Important Stories, il media indipendente russo che si occupa di giornalismo investigativo. Secondo la fonte, Prigozhin si è rifiutato di accettare le condizioni dell'amministrazione presidenziale, e quindi il presidente russo Vladimir Putin ha dato l'ordine di aprire un procedimento penale contro di lui e di occuparsene. 


L'esercito russo ha dichiarato di aver respinto diversi attacchi delle forze di Kiev contro le sue posizioni nell'Ucraina meridionale e orientale nelle ultime 24 ore, mentre Mosca deve affrontare la ribellione guidata dai mercenari Wagner in Russia. Secondo il ministero della Difesa russo, nove assalti ucraini sono stati respinti nella reginoe di Donetsk e uno nella regione di Zaporizhzhia, affermazioni che non possono essere verificate in modo indipendente. 


Le autorità della regione di Lipetsk hanno esortato i residenti a non lasciare le loro abitazioni se non in caso di assoluta necessità e di non viaggiare con mezzi di trasporto pubblici e privati. Lo riporta la Tass citando un post su Telegram dell'autorità regionale. "Per assicurare il rispetto della legge e l'ordine e la sicurezza dei cittadini della regione di Lipetsk, la sede operativa della regione chiede ai residenti di non lasciare le loro case in assenza di necessità urgenti e di astenersi da qualsiasi viaggio con mezzi personali o pubblici". L'avviso arriva nel giorno in cui le truppe della Wagner hanno annunciato l'occupazione di siti militari nella non lontana Voronezh. 


Secondo il canale Telegram russo Rybar nell'oblast di Rostov, nel sud della Russia, sarebbero stati visti i primi distaccamenti delle forze speciali cecene Akhmat, inviati per contrastare l'ammutinamento del gruppo Wagner. Lo stesso canale ha precisato che l'esplosione registrata nel quartier generale del Distretto militare meridionale di Rostov sul Don sarebbe stata causata da un cracker o da un pacchetto esplosivo usato per disperdere la folla, a cui è stato chiesto di tenersi a due chilometri di distanza. 


Vladimir Putin sta svolgendo i suoi doveri al Cremlino. Lo ha riferito il portavoce presidenziale, Dmitry Peskov, smentendo le indiscrezioni apparse su alcuni canali Telegram secondo cui Putin avrebbe lasciato Mosca per trasferirsi in una delle sue residenze in un'altra regione russa. 


Un'esplosione è avvenuta nel quartier generale militare di Rostov, la città russa vicina al confine ucraino caduta nelle mani della milizia Wagner. L'esplosione, scrivono diversi media ucraini su Telegram, è stata seguita da colpi d'arma da fuoco. In filmati postati sui media si vede gente che fugge dalla zona dell'esplosione. 


"Mosca si prepara all'assedio. La città è praticamente blindata e isolata dalle forze militari e di polizia, con check-point quasi a ogni incrocio". Lo scrive su Telegram Rbc-Ucraina, citando l'ingelligence di Kiev, aggiungendo che dalla capitale russa "stanno richiamando tutto l'equipaggiamento militare che finora era rimasto nelle riserve e nelle zone di confine". 


Valery Sakhashchyk, ex comandante dei paracadutisti bielorussi che ora comanda un'unità militare bielorussa dissidente che combatte con l'Ucraina, si è rivolto all'esercito di Minsk invitandolo a ribellarsi, approfittando del caos in Russia. "O cogliamo questa storica opportunità, o perderemo tutto", è la frase che si legge sul canale Telegram del Kyiv Post. 


"Non tocca a noi interferire. Come diciamo che la Russia non può interferire nella situazione interna di un Paese, non possiamo farlo noi. Non abbiamo fatto la guerra alla Russia, non siamo contro la Russia, contestiamo la violazione del diritto internazionale da parte di Putin che guida in questo momento la Federazione". Lo afferma il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, a Rapallo. "Abbiamo solo fornito strumenti all'Ucraina - aggiunge - per difendere la propria integrità territoriale. Perché la perdita di integrità territoriale dell'Ucraina avrebbe voluto dire avere i russi pronti a invadere altri Paesi dell'Unione ex sovietica. 




Il dipartimento dei Trasporti di Mosca ha dichiarato che il fiume Moscova è stato temporaneamente chiuso al traffico navale. Lo riporta la Tass citando un comunicato del dipartimento. "Secondo l'organizzazione federale del Canale di Mosca, il fiume Moscova è stato temporaneamente chiuso al traffico. Anche il funzionamento dei moli è stato limitato", si legge nel comunicato. 


Sono 5.600 gli italiani in Russia ma per ora "non ci sono preoccupazioni per i nostri concittadini". Lo ha detto il ministro degli Esteri Antonio Tajani al 52esimo Convegno dei giovani imprenditori di Confindustria a Rapallo, ribadendo però l'invito della Farnesina a mantenere un "atteggiamento di prudenza". In ogni caso "siamo in contatto da venerdì sera con l'ambasciatore Starace", ha assicurato il ministro. 


"Le forze del gruppo Wagner hanno aggirato Voronezh e si sono dirette verso Mosca, spazzando via tutto ciò che trovavano sul loro cammino. Il tempo stimato di avvicinamento a Mosca della colonna Wagner è di 20-21 ore. Non si sa chi sia alla testa della colonna e se lo stesso terrorista Prigozhin ne faccia parte". Lo scrive su Twitter Anton Geraschchenko, consigliere del ministro degli Affari interni dell'Ucraina. 


Un grande deposito di petrolio è in fiamme a Voronezh. Lo sostiene il governatore della regione Alexander Gusev, citato dalla Tass. In foto postate sui social si vede una gigantesca colonna di fumo nero alzarsi in quella che viene discritta come Voronezh. 


"La debolezza della Russia è evidente. E' debolezza su vasta scala. E più a lungo la Russia mantiene le sue truppe e mercenari sulla nostra terra, più caos, dolore e problemi avrà in seguito". Questo è il primo intervento a caldo di Volodymyr Zelensky su quanto sta avvenendo tra Mosca e la milizia Wagner di Prigozhin. "Chi sceglie la via del male distrugge se stesso - aggiunge -. Chi invia colonne di soldati per distruggere vite umane in un altro Paese non può impedire loro di fuggire e di tradire quando la vita resiste". 


Il patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill ha lanciato un appello per mantenere l'unità di fronte alla minaccia comune. E' quanto si legge in una nota della Chiesa ortodossa russa, scrive l'agenzia Tass, in cui si afferma il sostegno al presidente russo Vladimir Putin. 


"La guerra civile è ufficialmente iniziata". Lo scrive su Telegram uno dei canali legati a Wagner, diffondendo le immagini di un elicottero russo che sarebbe stato abbattuto a Voronezh dai mercenari di Prigozhin dopo che quest'ultimo li aveva attaccati. "Uno dei convogli del gruppo Wagner è stato attaccato nella regione di Voronezh. Anche l'aviazione sta lavorando. La guerra civile è ufficialmente iniziata", scrivono su Telegram. 


"Sono accadimenti delle ultime ore, non è facile dire esattamente cosa stia accadendo: approfitto anche per annunciare alla stampa che, finito questo appuntamento a cui non ho voluto mancare, ho convocato i ministri competenti e l'intelligence italiana per avere elementi maggiori. Non posso fare pronostici su come le cose possono andare". Giorgia Meloni lo ha detto nelle dichiarazioni congiunte con il cancelliere austriaco rispondendo a una domanda su quanto sta accadendo in Russia. 


"Stiamo seguendo gli sviluppi su quello che sta accadendo nelle ultime ore in Russia. La consapevolezza è di una situazione di caos all'interno della Federazione russa che stona un po' con certa propaganda vista negli ultimi mesi". Lo ha detto Giorgia Meloni nelle dichiarazioni congiunte con il cancelliere austriaco Karl Nehammer, dopo il bilaterale a margine dell'Europa Forum Wachau. 


Il capo del gruppo Wagner Prigozhin si rivolge per la prima volta direttamente a Vladimir Putin dicendo che il presidente è "profondamente in errore" quando lo definisce un traditore. In un audio su Telegram citato dal Guardian aggiunge: "Nessuno si costituirà su richiesta del presidente, non vogliamo che il Paese continui a vivere nella corruzione e nella menzogna. Siamo patrioti, e coloro che sono contro di noi sono quelli che si sono riuniti intorno ai bastardi". 


L'ambasciata italiana a Mosca ha rivolto un appello ai connazionali presenti nelle regioni russe di Rostov e Voronezh perché restino "al riparo" e si tengano "informati sugli sviluppi". A chi è fuori da Rostov e da Voronezh si raccomanda di "non recarsi nella regione", aggiunge l'ambasciata. 


La Nato sta "monitorando la situazione" in Russia. E' quanto riferito dalla portavoce dell'Alleanza atlantica, Oana Lungescu, in merito alla rivolta armata messa in atto dal gruppo paramilitare russo Wagner. 


La ribellione aperta di Prigozhin rappresenta "la sfida più significativa allo Stato russo" nella storia recente. Lo sostiene l'intelligence britannica nel rapporto quotidiano dedicato alla guerra in Ucraina. Secondo Londra, i reparti Wagner sono rientrati in territorio russo attraversando il confine ucraino in più punti e vogliono "raggiungere Mosca". Un progetto il cui fallimento dipende ora dalla lealtà al Cremlino "della Guardia Nazionale", prosegue il rapporto, stando al quale alcune unità dell'esercito avrebbero mostrano inizialmente "acquiescenza" verso gli insorti. 


"Ora la cosa più importante per la vittoria sul nemico esterno e interno, che vuole fare a pezzi la nostra madrepatria, per la salvezza del nostro Stato, è unirsi intorno al presidente, il comandante supremo in capo delle forze armate del Paese. La divisione e il tradimento sono la via per la più grande tragedia, una catastrofe universale. Non permetteremo che accada. Il nemico sarà sconfitto, la vittoria sarà nostra". Lo afferma su Telegram il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitry Medvedev. 


I combattenti del gruppo Wagner avrebbero preso il controllo di alcune strutture militari nella città di Voronezh, che si trova a circa 500 km a sud di Mosca. Lo riferisce al sito della Reuters una fonte della sicurezza russa. 


Il governatore della regione russa di Voronezh Aleksandr Gusev ha detto che l'esercito sta adottando tutte le "misure militari necessarie" per fermare la rivolta armata del gruppo paramilitare Wagner. Le dichiarazioni di Gusev, a conferma che è in corso "un'operazione antiterrorismo", giungono dopo che alcune indiscrezioni riferiscono di un avanzamento dei paramilitari guidati da Prigozhin nella regione russa. 


Quello attuato da Yevgeny Prigozhin è "un vile tradimento", un "ammutinamento" che deve essere "schiacciato". Lo afferma il comandante ceceno Ramzan Kadyrov, assicurando di essere pronto a collaborare per mettere fine alla ribellione. 


"Abbiamo un solo comandante in capo. Non due, non tre. Uno. E ha esortato tutti a unirsi. Questa è la cosa principale ora". Lo scrive su Telegram la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova. "Tutti noi abbiamo il nostro atteggiamento verso tutto. Ma ci sono momenti nella storia in cui i propri bisogni personali devono essere messi da parte per dopo. Anche se pensi di avere ragione al 100%. Perché? Perché se non ci uniamo adesso, se ognuno è per se stesso o per la propria visione della situazione, niente avrà più importanza. Solo unità. Unità sotto la bandiera del comandante in capo. Il nemico sta solo aspettando il nostro conflitto civile". 


Il presidente russo, Vladimir Putin, ha avuto un colloquio telefonico con l'alleato bielorusso Alexander Lukashenko, a seguito della rivolta del capo della milizia privata Wagner contro i vertici militari di Mosca, per informarlo della "situazione in Russia". Lo riferisce l'agenzia bielorussa. 


Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, segue con attenzione gli eventi che si stanno svolgendo in Russia e che testimoniano come l'aggressione all'Ucraina provochi instabilità anche all'interno della Federazione Russa. Lo comunica una nota di Palazzo Chigi.


"Tutti noi siamo pronti a morire. Tutti e 25mila, e poi altri 25mila". E' questo il testo del messaggio audio pubblicato su Telegram da Yevgeny Prigozhin, capo della Wagner, citato dalla Bbc. I mercenari del Gruppo Wagner sono "pronti a morire" nella loro azione contro l'esercito russo, una scelta che e' stata fatta "per il popolo russo".


Fonti britanniche affermano che "altre unità della compagnia paramilitare si stanno muovendo verso nord attraverso la regione di Voronezh, quasi certamente intenzionate a raggiungere Mosca. Ci sono prove molto limitate di combattimenti tra la Wagner e le forze di sicurezza russe", che in parte sono "probabilmente rimaste passive, non opponendosi al gruppo Wagner". "Nelle prossime ore, la lealtà delle forze russe, in particolare della Guardia nazionale, sarà la chiave di come si svolgerà la crisi. Questo rappresenta la più significativa sfida allo Stato russo in tempi recenti", conclude l'aggiornamento.


"Il ministero degli Esteri è in contatto con l'Ambasciata d'Italia a Mosca. Al momento nessuna criticità per i connazionali in Russia, i quali sono stati invitati alla prudenza. Per informazioni questo è il numero di emergenza dell'Unita' di Crisi 0636225". Lo scrive il ministro Antonio Tajani su Twitter in merito agli ultimi sviluppi in Russia.


Truppe anti sommossa russe sono entrate nella sede della brigata Wagner a San Pietroburgo. Lo riporta la Bbc, precisando che due bus con soldati sono agiunti nella piazza antistante l'edificio


Le truppe russe hanno ricevuto l'ordine necessario di neutralizzare coloro che hanno organizzato la ribellione armata. Cosi' il presidente russo Vladimir Putin in un discorso alla nazione dopo l'avanzata lanciata dal leader del gruppo Wagner, Yevgeny Prigozhin.


"Questo colpo è stato dato al popolo russo anche nel 1917 quando combatteva la Prima guerra mondiale, quando la vittoria gli è stata praticamente rubata. La guerra civile, i russi uccidevano altri russi, i fratelli uccidevano altri fratelli. I vari avventurieri politici hanno tratto vantaggio da questa situazione. Noi non permetteremo la ripetizione di una situazione del genere". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in un discorso alla nazione.


Il gruppo Wagner ha "pugnalato la Russia alla schiena". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel corso di un intervento rivolto alla nazione. "Difenderemo il nostro popolo e il nostro Stato da qualsiasi tradimento interno come quello con cui abbiamo a che fare oggi", ha detto Putin. "Tradimento del Paese, del popolo e della causa per cui stiamo combattendo e per cui sono morti gli eroi che sono riusciti a liberare le città del Donbass", ha aggiunto il presidente.


"Come comandante in capo e cittadino russo farò tutto il possibile per difendere la Costituzione, la libertà e la sicurezza della Russia". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel corso di un intervento rivolto alla nazione dopo la rivolta armata messa in atto dal gruppo Wagner. "Chi imbraccerà le armi contro i proprio connazionali pagherà per questo crimine", ha detto Putin


Qualsiasi rivolta interna è una minaccia grave contro il popolo e l'intera Russia. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel corso di un intervento rivolto alla nazione. "Chi ha deciso di ricattare e usare metodi terroristici sarà punito, ne rispondera' dinanzi alla legge", ha aggiunto Putin, facendo riferimento alla rivolta del gruppo paramilitare Wagner.


Difenderemo il nostro popolo e il nostro Stato da qualsiasi tradimento". Lo ha detto il presidente russo, Vladimir Putin, in un discorso alla nazione in diretta tv dopo la ribellione del capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin. "Adesso si decide il destino del nostro popolo", ha aggiunto.


Tutto quello che sta accadendo in questo momento in Russia "è solo l'inizio". Lo ha scritto il consigliere presidenziale ucraino, Mihailo Podolyak, su Twitter commentando la rivolta armata messa in atto dal leader del gruppo Wagner Evgenij Prigozhin che, questa mattina, ha reso noto di aver assunto il controllo dei siti militari della citta' di Rostov sul Don.


L'esercito russo ha annunciato che "garantirà l'incolumita'" dei combattenti Wagner se si dissociano dal loro capo, Yevgeny Prigozhin. "Siete stati indotti con l'inganno a partecipare all'impresa criminale di Prigozhin e trascinati ad un ammutinamento armato. Vi esortiamo a ragionare e contattare i rappresentanti del ministero della Difesa russo o le forze dell'ordine il prima possibile.


"Siete stati ingannati nell'avventura criminale di Prigozhin e nella partecipazione a una ribellione armata". Lo ha dichiarato il ministero della Difesa russo in una nota rivolgendosi ai militari del gruppo Wagner. "Vi chiediamo di mostrare prudenza e di mettervi in contatto con i rappresentanti del ministero della Difesa russo o delle forze dell'ordine il prima possibile. Garantiamo la sicurezza di tutti", ha affermato il ministero della Difesa russo, citato da Interfax,



Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha confermato che ci sarà "a breve un appello del presidente" sulla situazione in corso con il capo dei mercenari Wagner, Evegny Prigozhin, che ha dichiarato l'insurrezione contro i vertici della Difesa.


Il sindaco di Mosca ha annunciato che nella capitale russa si stanno adottando misure "antiterrorismo" dopo che il capo del gruppo mercenario Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha dichiarato ufficialmente guerra ai vertici militari del Paese. "In relazione alle informazioni che giungono a Mosca, si stanno adottando misure antiterrorismo con l'obiettivo di rafforzare la sicurezza", ha detto Sergei Sobyanin sui social media.


Il fondatore delle milizie paramilitari Wagner, Evgeny Prigozhin, ha incontrato a Rostov-sul-Don il vice ministro della Difesa russo Yunus-Bek Evkurov e il vice capo di stato maggiore Vladimir Alekseev. Momenti dell'incontro sono stati pubblicati in un video diffuso stamattina da un canale Telegram che fa capo al gruppo Wagner. Prigozhin ha affermato che fino a quando "non avra'" il capo di Stato maggiore Valery Gerasimov e il ministro della Difesa Sergei Shoigu, i suoi mercenari "bloccheranno la citta' di Rostov" e "andranno a Mosca".


Il presidehte Usa Joe Biden ha ricevuto un briefing sullo scontro tra il leader del gruppo mercenario Wagner, Yevgeny Prigozhin, e i generali russi. Lo riferisce il Consiglio per la sicurezza nazionale americana.


Il leader del gruppo paramilitare Wagner ha affermato di essere giunto nelle prime ore di questa mattina al quartier generale dell'esercito russo a Rostov, centro chiave per l'assalto russo all'Ucraina, e di aver preso il controllo di siti militari, compreso un aeroporto. "Siamo al quartier generale, sono le 07:30" (06.30 in Italia ndr), ha detto Yevgueni Prigojine in un video trasmesso su Telegram, "i siti militari di Rostov sono sotto controllo, compreso l'aeroporto", aggiunge, mentre dietro lui si vedono camminare uomini in uniforme.


Nella notte la Federazione Russa ha attaccato la capitale ucraina e a causa di un missile che ha colpito un grattacielo, due persone sono morte e otto sono rimaste ferite. Lo ha annunciato il capo dell'amministrazione militare della città di Kiev, scrive il canale Telegram KMVA, secondo quanto riporta Unian.


Il dissidente Mikhail Khodorkovsky ha esortato i russi a sostenere il capo della Wagner Yevgeny Prigozhin. Khodorkovsky, che una volta era l'oligarca più ricco della Russia, ha detto: "Dobbiamo aiutare ora, e poi, se necessario, combatteremo anche questo". Il dissidente sta scontando 10 anni di carcere per aver contrastato la figura di Putin.


Il sindaco di Mosca ha annunciato che sono state prese misure antiterrorismo per rafforzare la sicurezza nella capitale. Scrivendo su Telegram Sergey Sobyanin ha scritto: "In connessione con le informazioni in arrivo, a Mosca vengono prese misure antiterrorismo volte a rafforzare le misure di sicurezza. È stato introdotto un ulteriore controllo sulle strade. Sarà limitato lo svolgimento di eventi pubblici. Accettate con comprensione le misure adottate".


1 di 32
© Telegram © Telegram © Telegram © Telegram

© Telegram

© Telegram


Il governo della regione di Voronezh ha esortato le persone a evitare l'autostrada M4 che collega Mosca alle regioni meridionali della Russia perché lungo di essa si sta muovendo un convoglio militare. I funzionari hanno anche affermato che la situazione è sotto controllo e che sono in atto piani per proteggere la sicurezza pubblica. L'autostrada M4 corre per oltre 1.500 chilometri (930 miglia), collegando la capitale russa alle città di Voronezh, Rostov ad est dell'Ucraina e Krasnodar. 


Il governatore della regione russa di Lipetsk chiede ai residenti di non recarsi a sud. Lipetsk si trova a circa 280 km a nord-est del confine ucraino più vicino e più di 500 km a nord di Rostov. Scrivendo su Telegram, Igor Artamonov afferma che le misure di sicurezza nella regione sono state rafforzate, con particolare attenzione alla protezione delle infrastrutture critiche. Chiede inoltre alle persone di mantenere la calma e di fidarsi delle informazioni provenienti da fonti ufficiali.


Il capo di Wagner ha appena pubblicato un messaggio audio sul suo canale Telegram affermando che i suoi uomini della Wagner hanno abbattuto un elicottero russo. Prigozhin afferma che l'elicottero "ha aperto il fuoco su un convoglio civile", anche se non ha fornito dettagli sul luogo in cui si presume sia avvenuto l'incidente. In precedenza aveva detto che le sue forze erano entrate nella regione russa di Rostov, a est dell'Ucraina.


Il governatore della regione russa di Rostov - che confina a est con l'Ucraina - ha esortato i cittadini a restare in casa. Vasily Golubev su Telegram ha dichiarato: "Le forze dell'ordine stanno facendo tutto il necessario per garantire la sicurezza dei residenti della zona. Chiedo a tutti di mantenere la calma e di non uscire di casa inutilmente". Il capo del gruppo Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha affermato in precedenza, senza fornire prove, che le sue forze erano passate dall'Ucraina, dove avevano combattuto, alla Russia. Veicoli militari russi sono stati schierati nella città regionale di Rostov sul Don, a circa 100 km a est del confine con l'Ucraina.


Gli Stati Uniti si stanno consultando con "alleati e partner in tutto il mondo" sugli sviluppi della situazione in Russia. Lo riferisce il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale americana, Adam Hodge, alla Cnn. 


Il presidente russo Vladimir Putin è "continuamente informato" degli sviluppi della situazione, dopo l'annuncio di una ribellione armata da parte del leader del gruppo paramilitare Wagner: lo afferma il Cremlino. "I servizi speciali, le forze dell'ordine, vale a dire il ministero della Difesa, l'FSB (servizi di sicurezza), il ministero dell'Interno, la Guardia Nazionale, informano continuamente il Presidente sulle misure adottate per attuare le istruzioni loro impartite", ha detto alle agenzie di stampa russe il portavoce presidenziale Dmitry Peskov. Putin ha ricevuto anche conferma da parte del procuratore generale russo dell'avvio di un procedimento penale in relazione al tentativo di organizzare una ribellione armata".
 


Yevgeny Prigozhin, capo della Wagner, ha detto che le sue forze sono entrate nella città russa di Rostov senza incontrare resistenza.


Il capo del gruppo mercenario russo Wagner ha promesso di prendere tutte le misure necessarie per rovesciare la leadership militare russa a Mosca, aggiungendo che le sue truppe sono pronte a "distruggere qualunque cosa" si trovi sulla loro strada. "Stiamo andando avanti e andremo fino alla fine", ha detto in un nuovo messaggio audio dopo aver promesso di esautorare la leadership militare russa, aggiungendo che le sue forze sarebbero entrate nella regione russa meridionale di Rostov.


Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ricevuto un briefing sullo scontro tra il leader del gruppo mercenario Wagner, Yevgeny Prigozhin, e i generali russi. Lo riferisce il Consiglio per la sicurezza nazionale americana. 


L'Amministrazione Usa sta "seguendo da vicino" la situazione in Russia, dopo i pesanti commenti lanciati dal capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin, contro la leadership militare di Mosca. Lo riferiscono fonti della Difesa americana alla Cnn.


Le "strutture critiche" di Mosca sono state poste sotto protezione rafforzata e le misure di sicurezza nella capitale sono state aumentate: lo riporta la Tass, citando una fonte delle forze dell'ordine.


Il generale dell'esercito russo Vladimir Alekseev, primo vice capo del Gru - l'intelligence militare di Mosca - definisce gli attacchi del capo di Wagner Prigozhin "un colpo di Stato", "una pugnalata alle spalle del Paese e del presidente". Lo riporta Ria Novosti. "Solo il presidente - dice il generale - può nominare il più alto personale di comando delle forze armate e tu stai cercando di invadere il suo potere. Questo è un colpo di stato".


Il canale televisivo statale di notizie Russia 24 ha interrotto la trasmissione di un programma per leggere il messaggio del ministero della Difesa russo, in cui si afferma che le dichiarazioni fatte dal leader del gruppo mercenario Wagner Yevgeny Prigozhin "non corrispondono alla realtà". Lo riporta la Cnn, spiegando che l'interruzione è avvenuta durante la trasmissione del programma International Overview.


Il presidente russo Vladimir Putin è stato "informato sulla situazione intorno a Prigozhin, si stanno prendendo le misure necessarie". Lo afferma il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov dopo le minacce del capo di Wagner, come riporta Tass.


Il comitato nazionale antiterrorismo di Mosca ha aperto un procedimento penale "per invito alla ribellione armata" dopo le dichiarazioni del capo della Wagner Prigozhin. Lo riporta Tass. Il comitato nazionale antiterrorismo della Russia chiede a Prigozhin "di interrompere le azioni illegali".


Il capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha affermato che il suo appello a fermare la leadership militare russa non è "un colpo di stato militare", ma uno sforzo per ripristinare la "giustizia". "E' una marcia della giustizia, le nostre azioni non interferiscono in alcun modo con le truppe", ha dichiarato in un messaggio audio trasmesso dal suo servizio stampa.


Il dipartimento di Mosca dell'Fsb, i servizi di intelligence interna, è in stato di allarme e ha istituito posti di blocco sull'autostrada M4 che collega la capitale con Rostov. Lo riferiscono fonti dell'esercito russo alla Bbc. Secondo quanto riferito, a coloro che sono in servizio nei posti di blocco è stato ordinato di aprire il fuoco "in caso di minaccia". Diversi altri media citati dalla Bbc aggiungono inoltre che le forze di sicurezza di Mosca sono in allerta e nella capitale è stato introdotto il piano "Fortezza": si tratta di un piano per proteggere le strutture del ministero degli Affari interni. Le esatte azioni in questo piano sono segrete, ma è noto che gli ingressi e le uscite degli edifici del ministero sono bloccati. La Bbc riporta inoltre che veicoli corazzati sono stati visti nel centro di Rostov, vicino al quartier generale del distretto militare meridionale.


L'Fsb russa, i servizi di intelligence interna, ha chiesto ai mercenari Wagner a disobbedire agli ordini del loro leader Yevgeny Prigozhin e ad "arrestarlo". Lo riporta Ria Novosti.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri