FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dota Underlords, Auto Chess e Teamfight Tactics: le strategie per dominare

Continuiamo la nostra guida al nuovo genere che spopola tra i fan dei videogiochi, per aiutarvi a cominciare con il piede giusto!

Dota Underlords, Auto Chess e Teamfight Tactics: le strategie per dominare

La settimana scorsa abbiamo chiarito cosa sono gli Auto Battler, il nuovo genere che sta letteralmente spopolando tra gli appassionati di videogiochi: nella nostra rubrica dedicata ai trucchi e consigli per vincere nei giochi del momento, abbiamo spiegato le meccaniche principali e le basi dell’economia.

Nella seconda parte della guida, proseguiamo con l’analisi dei fondamentali del tormentone del momento, che include giochi come Auto Chess, Dota Underlords e Teamfight Tactics.

GESTIONE DEGLI OGGETTI E DELLA MAPPAOgni cinque turni, a partire dal decimo, ve la dovrete vedere con un’ondata di nemici controllati dall’IA - una sorta di test per verificare se la vostra squadra è abbastanza forte per proseguire. Se non riusciste ad avere la meglio contro questi avversari, potrebbe esserci qualcosa che non va nella vostra formazione.

A fine round otterrete nuovi oggetti e, a seconda della modalità di gioco, potrete assegnarli ai vostri eroi. Sapere quale oggetto dare a chi può essere difficile all’inizio, ma una corretta combinazione può essere devastante.

Un’altra cosa da tenere bene a mente è il posizionamento delle unità sulla plancia di gioco. Yasuo (Teamfight Tactics) funziona bene solo se comincia il round senza unità adiacenti - così facendo ottiene uno scudo bonus. Drow Ranger invece dà il suo meglio quando è circondato da altri eroi e diventa invece quasi inutile nel caso contrario. Gli Assassini scatteranno verso le vostre retrovie per fare a pezzi la vostra squadra, quindi dovrete schierare le unità in modo da proteggere i componenti più fragili.

Il posizionamento è probabilmente il fattore più difficile da gestire inizialmente in un Auto Battler, dal momento che non è spiegato in maniera chiara e precisa. Utilizzate un po’ del vostro tempo per sperimentare e capire come disporre le unità sul campo di battaglia - non è raro vincere un round (o persino una partita) semplicemente scambiando di posto due eroi sulla plancia, ed è altrettanto semplice perdere per non averli spostati al momento giusto.

ANCORA UN GIROA pensarci bene, gli Auto Battler hanno diverse cose in comune con i battle royale. In entrambi i generi vince l’ultimo giocatore a rimanere in piedi sul campo di battaglia, con scontri diretti con gli avversari e tutti e due mettono un certo accento sul posizionamento sulla mappa e sulla conoscenza delle meccaniche di gioco. Infine, entrambi sono caratterizzati dalla distribuzione casuale di ricompense.

Nel caso degli Auto Battler, questo elemento casuale è alimentato da una moneta virtuale, quindi le uniche finanze che potete mettere a rischio continuando a estrarre nuovi eroi casuali è quella del vostro alter ego digitale. Buttare tutti i vostri averi alla ricerca di una singola unità può, a volte, darvi degli effetti vantaggi, ma si tratta di casi rari. Spesso e volentieri finirete per pentirvi di aver sperperato i vostri pezzi d’oro.

EQUILIBRISMOUna volta capite le risorse a disposizione, la sfida è cercare di mantenere un certo equilibrio e sfruttarlo per arrivare alla vittoria. Denaro, eroi, tempo e punti vita: tutto può essere speso per guadagnare vantaggio sugli avversari. Il primo posto è tutt’altro che garantito: non si tratta di un uno contro uno, dove le variabile sono più contenute: qui ci sono altri sette giocatori seduti al vostro tavolo.

Ricordatevi, in ogni caso, che in questi giochi (come nei battle royale) c’è sconfitta e sconfitta. Se non si è primi non si è necessariamente ultimi: piazzarsi tra i primi tre giocatori è comunque un buon risultato. Cercate di analizzare l’andamento della partita appena conclusa a mente fredda per capire cosa è andato storto a causa dei fattori casuali e su cosa invece potreste migliorare in futuro.

La prossima settimana vi offriremo una breve analisi dei tre Auto Battler principali sul mercato: Auto Chess, Teamfight Tactics e Dota Underlords.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali