FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Atari: la prima regina delle console compie 50 anni

Celebriamo lo storico marchio statunitense che diede vita a tanti giochi e all’Atari 2600

 Atari
IGN

Appena qualche giorno fa, il 27 giugno, uno dei più storici marchi in ambito di videogame ha compiuto la veneranda età di 50 anni.

Correva infatti l’anno 1972 quando a New York

Nolan Bushnell

e

Ted Dabney

fondarono

Atari

, una delle primissime società statunitensi a occuparsi di divertimento elettronico.

Agli albori il marchio di Atari si lega indissolubilmente a quel

Pong

ideato da

Allan Alcorn

che rappresenta il primo successo in termini di videogame “da sala”. Le racchettine monocromatiche di Pong sono un importante punto di svolta per il nostro hobby di videogiocatori, specialmente considerando che sia Atari che numerosi competitor spuntati come funghi portano il gioco - e decine di sue varianti - sui televisori di casa grazie a piccole console dedicate.


 


La vera svolta arriva però con

l’idea di creare un sistema per videogame che non fosse legato a un singolo gioco

ma che permettesse di avviarne diversi a seconda della “cartuccia” inserita: dopo

Magnavox

e

Fairchild

che sperimentano questa idea con risultati altalenanti è proprio Atari, col suo

progetto “Stella”

a dare vita a una delle console per videogame più famose della storia: è il 1977 e arriva nei negozi statunitensi

Atari VCS

, con i suoi due joystick mono-pulsante inclusi nella confezione e con ben

otto videogame

da comprare separatamente.


 


 Atari
IGN


 


Da noi giungerà qualche anno più tardi col nome di

Atari 2600

, un dispositivo da connettere al televisore che porta nelle case dei nei-videogiocatori grafica di buona qualità e soprattutto numerose esperienze “arcade” che in quegli anni spopolano in sala giochi.

Pac-Man

,

Asteroids

,

Space Invaders

,

Centipede

e

Pole Position

sono solo alcuni dei giochi che sono disponibili su Atari 2600 in conversioni più o meno riuscite, alcune delle quali (come Space Invaders, oggetto del primo contratto di pubblicazione su licenza) capaci di vendere

più di cinque milioni di copie

, una cifra incredibile se si pensa alla scarsa diffusione dei videogame nei primi anni ‘80. Non solo: Atari 2600 diventa anche casa di alcuni importanti videogame nati proprio con l’utenza domestica in mente. Ecco dunque storici capisaldi come

Adventure

o

Pitfall!

, esperienze più complesse e articolate dei classici giochi “da sala” che di fatto hanno formato la spina dorsale del videogame moderno.


 


 Atari
IGN


 


Al fine del suo ciclo vitale, Atari 2600 vende più di trenta milioni di pezzi, distanziando la concorrenza di

Intellivision

o

Colecovision

- società che commercializzano console più potenti ed elaborate - e diventando di fatto la regina delle console dei primi anni ‘80. Anche in Italia Atari 2600 ha un buon successo e lo slogan “

Atari, Magari!

” diventa un po’ un tormentone tra i videogiocatori, spinto anche da una campagna pubblicitaria abbastanza martellante.


 


Uno slancio di successo che Atari fatica purtroppo a mantenere: le console successive come

Atari 7800

e

Jaguar

non raggiungono il successo sperato e anche l’avveniristica console portatile

Lynx

rimane indietro come vendite rispetto alle concorrenti

Game Gear

e soprattutto

Game Boy

. Nel frattempo importanti società come

SEGA

e

Nintendo

si lanciano sul mercato, facendolo praticamente proprio.


 


 Atari
IGN


 


Atari trova un discreto successo in ambito di personal computer con la gamma di

Atari ST

commercializzata nel 1985 ma ben presto smette di produrre hardware, cambia proprietari e diventa una software house che si dedica - con alterne fortune - a pubblicare videogame. Solo di recente Atari sembra aver rialzato la testa, proponendo nuove versioni dei suoi classici - come

Missile Command

e Pong - in versione aggiornata (nella gamma “Recharged”, disponibile per PC e console) mentre si appresta a festeggiare i suoi primi cinquant’anni con

Atari 50

, una massiccia raccolta di circa 90 giochi e contenuti speciali che uscirà entro fine anno (per ora in formato PC, ma l’uscita su console sembra molto probabile). Che questo cinquantesimo compleanno sia l’occasione per un marchio così storico di tornare sotto i riflettori col ruolo di protagonista?



 


 



 


Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali