FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gli uccellacci spaziali di Phoenix, uno dei primi videogame a includere le "boss fight"

Stormi di volatili, condor stellari e il primo boss della storia dei videogame in questo sparatutto lanciato nel lontano 1980

IGN

Dopo l’uscita di Space Invaders nel 1978 e il suo grandissimo successo in ogni parte del mondo divenne immediatamente chiaro che ai neonati videogiocatori piaceva molto sparare agli alieni, monocromatici o colorati che fossero.

Gli sparatutto a schermo fisso come il best-seller di Taito divennero un vero e proprio genere: tutte le software house dell’epoca, praticamente, provarono a creare un titolo simile o perlomeno a trovarne uno da distribuire.

Ecco dunque arrivare in sala giochi uno sciame di giochi simili, come Galaga o Moon Cresta. Persino Nintendo provò a dire la sua in questo affollato genere col fallimentare - ma interessante - Radar Scope, gioco il cui insuccesso portò inavvertitamente alla nascita di Donkey Kong e Super Mario.


 


Phoenix - Videogame - Arcade
IGN


 


Fra tutti gli sparatutto a schermo fisso oggi vogliamo ricordarne uno in particolare, dalle origini un po’ oscure: non è ben chiaro, infatti, quale fosse il team giapponese che lo ha originariamente sviluppato, se

Hiraoka

o

TPN

. Fatto sta che il qui presente

Phoenix si fece subito notare per alcune interessanti caratteristiche

: Taito stessa, la "mamma" di Space Invaders, lo prese in licenza per distribuirlo in Giappone mentre per quanto riguarda l’occidente ecco entrare in azione

Centuri

, importante distributore che portò al successo questo colorato gioco di sparatorie spaziali anche negli Stati Uniti (in tandem con l’attivissima Amstar).


 


In Phoenix controlliamo la classica astronave solitaria impegnata a distruggere un’intera armata di alieni

: l’interessante intuizione del gioco è quella di presentare tali forze ostili sotto forma di stormi di

uccelli spaziali

.


 


Phoenix - Videogame - Arcade
IGN


 


In dettaglio,

i primi due livelli ci vedono combattere contro piccoli volatili stellari che agiscono in formazione

, lanciandosi di tanto in tanto in pericolose picchiate e aprendo ogni tanto il fuoco verso la nostra astronave.

I due livelli successivi ci mettono invece contro alcune pericolose uova svolazzanti

che dopo qualche secondo di inattività si schiudono rivelando dei grandi condor spaziali che vanno eliminati con un colpo preciso sul corpo: colpire le ali infatti è inutile, dal momento che poco dopo ricrescono.


 


Il colpo di scena si ha nel quinto e ultimo livello del gioco, quando ci troviamo contro la massiccia nave madre degli alieni

, una sorta di enorme disco volante presidiato da uccellini e che ospita al centro una strana creatura coi tentacoli: centrando quest’ultima (dopo aver aperto una breccia nello scafo) permette di eliminarla, chiudendo così un "ciclo" e facendo riprendere il gioco dal primo livello a difficoltà più elevata.


 


Phoenix - Videogame - Arcade
IGN


La presenza della nave madre con il suo super-alieno

rappresenta in pratica uno dei primi boss in un videogame

(il primo in assoluto si registra nel 1975, con il Golden Dragon dell'avventura testuale Dnd),

un vero e proprio punto di riferimento per quello che sarebbe diventato poi il settore dei videogiochi

.


 


Le particolarità di Phoenix non si limitano alla natura dei nemici che andiamo a incontrare.

La nostra navicella ad esempio può fare affidamento su un pratico campo di forza che la rende indistruttibile per pochi istanti

(e che richiede qualche secondo di ricarica prima di essere riattivato) mentre i cacciatori di high-score, ovvero dei punteggi più elevati con cui entrare in classifica, possono mettersi alla prova centrando i nemici in specifici momenti per ottenere dei bonus.


 


Phoenix - Videogame - Arcade
IGN


 


Phoenix è un grandissimo successo in sala giochi e attrae l’attenzione di Atari, che ne fa un punto di forza della lineup di Atari 2600

, con una campagna pubblicitaria martellante (e una conversione tutto sommato dignitosa, anche se lontana dalla qualità dell’originale).


 


Non mancano le versioni per home computer, molte delle quali prive di licenza seppur di ottima qualità: è il caso di

Eagle Empire

per Commodore 64 (Alligata Software), conversione illegale e tremendamente simile all’originale da sala.


 



 


Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali