FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Xbox punta con forza sul cloud: il 2023 potrebbe essere l'anno del gioco in streaming

Microsoft sarebbe al lavoro su uno "stick" in grado di consentire l'utilizzo dei videogame in streaming su qualsiasi TV, senza bisogno di acquistare una console

IGN

L'introduzione di Fortnite all'interno di Xbox Cloud Gaming è solo l'inizio di una strategia più ampia per Microsoft: a giudicare dagli ultimi report apparsi in rete, la casa di Redmond è al lavoro su una nuova periferica capace di espandere il suo servizio di "game streaming" e consentire l'uso del servizio su qualsiasi televisore dotato di ingresso HDMI, senza dover per forza di cose acquistare una console come Xbox One o Series X/S.

L'uscita sarebbe prevista entro il 2023.

L'arrivo del battle royale di Epic Games sul servizio di streaming disponibile fino a poco tempo fa in esclusiva per i possessori di Xbox Game Pass Ultimate ha dato via a una serie di indiscrezioni che si rincorrevano da tempo: stando a quanto riportato da GamesBeat, Microsoft avrebbe in programma la realizzazione di uno stick HDMI simile a quelli prodotti da Amazon (appartenenti alla famiglia Fire TV Stick) per l'uso di servizi in streaming, ma dedicato totalmente all'ecosistema Xbox.


 


Xbox Cloud Gaming
IGN


 


Il colosso guidato da

Satya Nadella

e

Phil Spencer

vorrebbe così ridurre ulteriormente il gettone d'ingresso per coloro fossero intenzionati ad avvicinarsi al mondo dei videogiochi, ma che al tempo stesso preferiscono comunque sfruttare la TV di casa all'idea di giocare sullo smartphone o dal browser di un computer. Così facendo, lo stick marchiato Xbox darebbe modo di giocare ai titoli inclusi nel catalogo di Xbox Game Pass anche in assenza di televisori più recenti:

basta un'uscita HDMI, un controller da collegare via Bluetooth, una connessione a internet e il gioco è fatto

.


 


Sempre nell'ottica di garantire l'esperienza più semplice possibile, Microsoft avrebbe inoltre in programma un rafforzamento della sua partnership di lunga data con

Samsung

per far sì che un'applicazione nativa del servizio di cloud gaming arrivi su tutte le TV della casa coreana: così facendo,

i possessori di un televisore Samsung sarebbero in grado di "giocare in streaming direttamente dallo schermo", avviando l'app ufficiale e collegando un controller.


 



 


A quel punto, l'abbonamento a Xbox Game Pass Ultimate darebbe agli utenti la libertà di scegliere tra centinaia di titoli differenti, ma volendo gli stessi giocatori

potranno avviare una partita di Fortnite senza dover sottoscrivere un abbonamento

. L'iniziativa, parte di un nuovo programma apparentemente chiamato "Xbox Everywhere", cercherà di puntare con forza su questo concetto aggiungendo tanti altri titoli free-to-play all'elenco dei giochi che possono essere avviati tramite Xbox Cloud Gaming senza abbonamento.


 


È lecito attendersi che una conferma (o smentita) in merito possa arrivare al prossimo, grande appuntamento fissato da Microsoft: l'evento

Xbox & Bethesda Games Showcase

è in programma per il prossimo

12 giugno

e, nell'arco di circa 90 minuti, dovrebbe offrire ai fan dell'ecosistema Xbox un'ampia panoramica di tutti i videogame in sviluppo presso i team first-party di

Xbox Game Studios

e

Bethesda

.


 



 


Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali