FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Videogiochi violenti e aggressività nei ragazzi non sono correlati

Una ricerca effettuata dallʼUniversità di Oxford scioglie in modo sostanzialmente definitivo il grande dubbio

Videogiochi violenti e aggressività nei ragazzi non sono correlati

Un nuovo studio dell'Università di Oxford sostiene di non aver trovato alcun collegamento tra il tempo speso a giocare videogiochi violenti e l'aumento di atteggiamenti aggressivi nei ragazzi.

Molte ricerche precedenti sostenevano il contrario, ma secondo il Professor Andrew Przybylski il fatto che i videogiochi tendano a far nascere la violenza nel mondo reale non è mai stato comprovato/testato. Secondo il direttore dello studio, infatti, i ricercatori sono stati sempre influenzati da ipotesi, metodi e tecniche di analisi prima di iniziare il proprio lavoro.

Lo studio condotto dal Professore dell'Università di Oxford in collaborazione con il Dottor Netta Weinstein dell'Università di Cardiff ha preso in considerazione un totale di 2008 ragazzi dell'età compresa tra i 14 e 15 anni e ha evidenziato un inedito punto di vista:

"I discorsi sboccati, la competitività e gli sfottò tipici delle comunità di videogiocatori potrebbero essere qualificati come comportamenti antisociali. Questa potrebbe essere una strada da percorrere per ulteriori ricerche", sottolinea il Professor Przybylski.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali