FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nintendo sulla dipendenza da videogiochi: è colpa dei giocatori

Shuntaro Furukawa, Presidente della casa di Super Mario, ha espresso la sua opinione in una riunione con gli investitori

Nintendo sulla dipendenza da videogiochi: è colpa dei giocatori

Nell'ultima riunione per i risultati fiscali, il Presidente di Nintendo, interrogato da uno degli investitori dell'azienda, ha espresso la sua opinione sull'argomento dipendenza da videogiochi.

Per Shuntaro Furukawaha, una delle figure chiave dietro la distribuzione del Wii sul mercato europeo e la creazione di Switch, il problema risiede più nei giocatori che nei giochi in se:

"Penso che il problema della dipendenza da videogiochi riguardi più i videogiocatori che i giochi nello specifico. Come azienda che crea videogiochi siamo sempre attenti nell'implementare delle caratteristiche che permettano ai genitori di limitare il tempo di utilizzo delle console. Credo che realizzare delle funzionalità del genere e farle conoscere a quante più persone possibile sia un modo per affrontare la situazione".

Per Nintendo, quindi, un utilizzo responsabile può essere la prima arma per debellare completamente il problema senza demonizzare a priori quello che, a conti fatti, è un mezzo di intrattenimento pari a tutti gli altri.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali