FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Videogiochi, pagato 1 milione di dollari per giocare ad Apex Legends

Ninja, il videogiocatore più famoso del momento, avrebbe ricevuto la somma per mostrare il gioco al posto di Fortnite

Videogiochi, pagato 1 milione di dollari per giocare ad Apex Legends

Promuovere i prodotti sui canali degli youtuber e gli streamer più influenti è diventata una pratica piuttosto comune per le aziende attive nel mondo dei videogiochi, ma a quanto pare Electronic Arts ha fatto segnare un nuovo record.

In vista del lancio di Apex Legends, infatti, sembrerebbbe che la software house di FIFA abbia pagato ben 1 milione di dollari per convincere Ninja, il videogiocatore professionista più famoso al mondo, a mostrare il gioco ai suoi follower al posto di Fortnite.

Un'indiscrezione piuttosto plausibile, visto che Ninja guadagna dai 500mila ai 600mila dollari per evento ed è stato coinvolto persino nei celebri festeggiamenti per il Capodanno di Times Square, ma che non è stata confermata dai diretti interessati.

Quello che è certo, comunque, è che gli investimenti dell'azienda americana sono rientrati alla grande e il nuovo battle royale è già un successo incredibile: in sole quattro settimane di disponibilità ha attratto 50 milioni di giocatori, un risultato che Fortnite aveva raggiunto in oltre quattro mesi (ve ne abbiamo parlato qui).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali