FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Videogiochi: gli autori di Farmville passano alla corte di Take-Two, affare da quasi 13 miliardi di dollari

Il publisher di GTA ha completato l'acquisizione di Zynga, autore di successi come FarmVille, CityVille e Mafia Wars: lo studio mira a portare i suoi franchise su Android e iOS

Take-Two Interactive - Zynga 
IGN

Solo lo scorso anno Microsoft aveva sorpreso tutti con uno degli affari più costosi nella storia dei videogiochi, ma persino l'acquisizione di Bethesda per 7.5 miliardi di dollari sembra "modesta" rispetto alla trattativa portata a termine da Take-Two Interactive, che si è assicurata i servigi di Zynga (e tuttte le sue proprietà intellettuali) per la cifra considerevole di 12.7 miliardi di dollari. Con questa mossa, il publisher punta a una decisa espansione verso il mercato mobile.

Take-Two Interactive ha acquisito in veste definitiva Zynga, studio statunitense specializzato nello sviluppo di giochi per dispositivi mobile che, negli anni, ha sfornato successi come FarmVille, CityVille e Mafia Wars. L'acquisizione è stata conclusa per la cifra di 12,7 miliardi di dollari, con 3.5 miliardi in contanti e il resto tramite quote azionarie. Per Take-Two Interactive, il publisher di Rockstar Games e del fenomeno Grand Theft Auto, si tratta della seconda acquisizione di spessore in due mesi dopo quella di Roll7.

 

"Siamo entusiasti di annunciare la nostra unione con Zynga, una società che ci permette di diversificare il nostro business e stabilirci come azienda leader anche nel settore mobile", ha commentato Strauss Zelnick, amministratore delegato di Take-Two Interactive. "Questa acquisizione strategica unisce al nostro portfolio ricco di grandi franchise per PC e console anche i videogiochi mobile di Zynga, uno studio estremamente innovativo e creativo. Zynga può contare su una squadra capace e talentuosa, e non vediamo l'ora di dargli il benvenuto nei mesi a seguire".

 

 

"L'esperienza di Zynga nel settore mobile, unita alla capacità di Take-Two nel campo dei videogiochi di nuova generazione, ci permette di proseguire la nostra missione con l'obiettivo di connettere tutto il mondo attraverso i videogame", ha aggiunto Frank Gibeau, amministratore delegato di Zynga. "Sono orgoglioso del lavoro svolto dalla mia squadra e del modo in cui abbiamo chiuso il 2021, ovvero con una delle migliori performance annuali nella storia di questa azienda. Siamo entusiasti della partnership con Take-Two Interactive e con questa trasformazione puntiamo a creare videogiochi migliori, raggiungere un pubblico ancora più grande e registrare performance ancora migliori negli anni a seguire".

 

La mossa di Take-Two Interactive è importante, perché permette all'azienda di espandersi ulteriormente verso uno dei mercati più prolifici e in crescita dell'intera industria videoludica portando tutte le sue serie di spessore (da GTA a Mafia e Red Dead Redemption, da NBA 2K a WWE 2K, da BioShock a Max Payne e Borderlands, da XCOM a Civilization) su Android e iOS per ampliare considerevolmente il suo bacino d'utenza. È lecito attendersi una sfilza di nuovi videogiochi free-to-play nei prossimi anni, con il colosso di New York che tenterà verosimilmente di puntare su sistemi di microtransazioni per massimizzare i guadagni.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali