FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa: arrestato l'hacker che violò i server di Nintendo, accusato anche di pedopornografia

Il 21enne Ryan Hernandez ha ammesso la sua doppia colpevolezza per violazione dei server della casa giapponese e possesso di materiale pornografico infantile


Arrivata a un epilogo la vicenda di Ryan Hernandez, l'hacker californiano che dopo essersi introdotto nei server di Nintendo e aver divulgato materiale confidenziale sull'azienda giapponese, è stato arrestato dall'FBI per possesso di materiale pedopornografico, durante un blitz che ha svelato scheletri ben più pesanti nel suo armadio.

Il 21enne si era già dichiarato colpevole la scorsa settimana in merito alle accuse legate al furto di "file Nintendo confidenziali relativi alle sue console e ai suoi giochi" avvenuto nel 2016. Tuttavia, sembrava non trattarsi del crimine maggiore a opera di Hernandez, dato che l'FBI lo aveva trovato in possesso di  "oltre un migliaio di video e immagini di minori coinvolti in comportamenti sessualmente espliciti".

 

Hernandez era stato già arrestato nel 2017, dopo che lui e un suo amico erano riusciti a violare i server Nintendo grazie al furto delle credenziali di un suo dipendente, scaricando informazioni che comprendevano le pre-release sull'attesa console Nintendo Switch, trapelata al pubblico prima del lancio ufficiale. Gli agenti federali si erano dunque presentati a casa del giovane, il quale davanti a entrambi i genitori aveva promesso di interrompere qualsiasi attività illegale, confermando di aver compreso le conseguenze di qualsiasi futura azione di hacking.

 

Un anno dopo però Hernandez ci aveva riprovato, arrivando a vantarsene persino sui social, gesto che aveva fatto irrompere nuovamente l'FBI a casa sua. Durante la perquisizione erano dunque emerse anche le directory contenenti materiale pedopornografico etichettate dall'hacker come "Bad Stuff" (roba sporca).

 

Hernandez si è dunque dichiarato colpevole di entrambi i crimini e l'entità della pena sarà sancita dal giudice che ha in carico il suo caso, che potrebbe condannarlo dai 3 ai 25 anni di detenzione. Intanto l'hacker ha già provveduto a pagare i danni causati a Nintendo per oltre 259mila dollari, che non servirà tuttavia a cancellare dalla sua fedina penale la pesante accusa di pedofilia.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali