FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sony si esprime su Google Stadia: "PS5 non ha nulla da temere"

Lʼazienda giapponese ha commentato il debutto di Google nel mondo dei videogiochi con un intervento sul Wall Street Journal

Sony si esprime su Google Stadia: "PS5 non ha nulla da temere"

In una recente intervista ai microfoni del Wall Street Journal il CEO di Sony, Kenichiro Yoshida, ha toccato diversi punti sul futuro dei videogiochi, tra cui il debutto Google Stadia e, più in generale, il mercato dello streaming, in cui tra l’altro l'azienda giapponese è radicata da alcuni anni con PlayStation Now.

Yoshida ha affermato che la futura PlayStation 5, prevista per Natale 2020, non dovrà temere il confronto con Google Stadia (ve ne abbiamo parlato qui), perché mosso da una tecnologia ancora troppo acerba. Non tutti hanno una connessione internet stabile a casa e, soprattutto, per i giochi più bisognosi di risorse una console fisica rimarrà ancora per un po’ la soluzione ideale per giocare:

"Il drastico aumento della velocità di rendering grafico che applicheremo con PS5 dimostra chiaramente perchè avrà senso possedere una console di prossima generazione".

Secondo Yoshida, infine, i servizi per giocare via streaming rappresenterannouna potenziale minaccia per Sony solo a medio-lungo termine e non nell’immediato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali