FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Perde a Fortnite e picchia il figlio di 11 mesi con il controller

Padre condannato a tre anni di reclusione per aver colpito ripetutamente il bambino

Perde a Fortnite e picchia il figlio di 11 mesi con il controller

Condannato a tre anni di carcere per aver colpito il figlio di 11 mesi, è successo in Francia a un padre ventiquattrenne che è letteralmente impazzito dopo aver perso una partita a Fortnite.

"Mio figlio era accanto a me quando, in un momento di rabbia, ho scagliato il controller e l'ho colpito per errore", sono state le parole del francese durante il processo. Una versione differente da quella fornita in prima battuta alla compagna, a cui aveva riferito: "è sbattuto contro le barriere del lettino".

La dichiarazione non ha convinto i giudici, visto che già nel 2016 il giovane era stato condannato a due anni di reclusione per dei gesti simili a danno di un figlio nato da una relazione precedente.

L'ennesimo gesto folle di un padre irresponsabile che non ha nulla a che fare con i videogiochi: Università di Oxford ha dimostrato che non c'è alcun collegamento tra il tempo speso a giocare videogiochi e l'aumento di atteggiamenti aggressivi (ve ne abbiamo parlato qui).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali