FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lasciò la ragazza per Call of Duty, ma ora ha perso il campionato

Una sonante sconfitta per il Doug "Censor" Martin, che ora promette di vincere il torneo di Black Ops 4

Lasciò la ragazza per Call of Duty, ma ora ha perso il campionato

Ricordate la storia del giocatore professionista che lasciò la sua ragazza (ve ne abbiamo parlato qui) per impegnarsi nel suo lavoro di "cyber-atleta"? Beh, dopo essersi separato da Yanez Garcia, Doug "Censor" Martin, insieme alla sua squadra, i compLexity Gaming, ha perso il campionato mondiale di Call of Duty uscendo agli ottavi.

Ma il pensiero di Censor è subito volato verso il Call of Duty World Championship 2019 e Call of Duty: Black Ops 4, in arrivo il prossimo 12 ottobre su PC, PlayStation 4 e Xbox One, come potete leggere dal tweet indirizzato ai suoi follower:

"No, non voglio tornare con Yanet, per favore smettetela (di prendermi in giro) con i meme. Sono un videogiocatore e vincerò il campionato di Black Ops 4".


Il mondo degli eSport ha recentemente battuto ogni record di incassi e montepremi ed è fonte di guadagno e lavoro per tantissimi giocatori sparsi per il globo, la convisione di Censor ne è la dimostrazione, non trovate?

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali