FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Germania, la sparatoria alla Sinagoga di Halle in diretta sulla piattaforma gaming Twitch: tutti i precedenti

Non è la prima volta che un attentato terroristico viene trasmesso in mondovisione sfruttando le nuove piattaforme di broadcast

 Attentato Halle - Sinagoga - Twitch

Tragico episodio avvenuto in Germania nei pressi della Sinagoga di Halle, nel versante orientale del paese: un neonazista tedesco di 27 anni ha compiuto un attentato terroristico trasmettendo l'accaduto su Twitch, la piattaforma dedicata allo streaming di videogiochi e intrattenimento a sfondo ludico. L'assaltatore, che ha tentato di irrompere nella Sinagoga per compiere un attentato di proporzioni enormi, ha trasmesso il tutto in diretta su Twitch per 35 minuti.

Grazie a una telecamera integrata nel suo elmetto, l'attentatore ha ripreso tutto l'accaduto su un canale Twitch creato due mesi prima, e stando a quanto dichiarato dai vertici della piattaforma streaming, di proprietà di Amazon, è stato seguito in diretta da un totale di cinque persone in simultanea prima di essere bloccato.

 

Ben peggiore è stato il risultato della replica, disponibile per circa trenta minuti sul canale e visualizzato da più di 2mila persone prima della sua cancellazione da parte di Twitch. Nonostante la rimozione da parte degli amministratori della piattaforma, il video continua a girare sui forum e social: il governo tedesco e Twitch stanno cercando di limitarne la diffusione onde evitare che vengano estese le motivazioni "antisemite" dell'attentatore, mentre la piattaforma di Amazon ha pubblicato su Twitter un messaggio per esprimere il proprio cordoglio nei confronti delle famiglie colpite dall'attentato.

 Attentato Halle - Sinagoga - Twitch

Non è la prima volta che un episodio simile viene trasmesso in diretta sui social network: già lo scorso marzo, in occasione dell'attentato di Christchurch, Nuova Zelanda, l'attentatore aveva sfruttato i servizi di Facebook per condividere in streaming l'attacco alla moschea. Il video aveva fatto rapidamente il giro del mondo, costringendo l'azienda di Mark Zuckerberg a concentrare tutte le sue risorse per rimuovere qualsiasi contenuto legato all'attentato.

 

In quell'occasione, il terrorista Brenton Tarrant aveva addirittura citato il famoso content creatore PewDiePie, invitando i presenti a "iscriversi al suo canale" prima di dare il via al tragico attentato. Lo stesso YouTuber si era dissociato dal gesto del folle, invitando i suoi fan a non seguire simili atteggiamenti che inneggiano all'odio 

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali