FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nominato durante la strage di Christchurch, PewDiePie si dissocia

Lo youtuber più famoso al mondo ha preso le distanze da quanto affermato dallʼattentatore, "sono disgustato"

Nominato durante la strage di Christchurch, PewDiePie si dissocia

Prima di compiere la deprecabile follia in diretta su Facebook, Brenton Tarrant, autore dell'attentato alla moschea di Christchurch, ha nominato PewDiePie, lo youtuber più famoso al mondo.

Lo ha fatto utilizzando una frase, "ricordate ragazzi, iscrivetevi a PewDiePie", molto in voga tra la community di YouTube per una sfida attualmente in corso tra lo stesso e T-Series, altro seguitissimo canale della piattaforma di Google.

Così, prima di sospendere le attività in segno di rispetto, PewDiePie è intervenuto su Twitter poco dopo l'accaduto per prendere le distanze da quanto successo:

"Sono assolutamente disgustato dal fatto che il mio nome sia stato pronunciato da questa persona. Il mio cuore e il mio pensiero vanno alle vittime, alle famiglie e a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia".

Con oltre 89 milioni di iscritti, PewDiePie, pseudonimo di Felix Arvid Ulf Kjellberg, è un ragazzo svedese classe '89 che è riuscito a imporsi nella cultura pop grazie ai suoi contenuti video a base di videogiochi. Una fama che gli permette di portare a casa circa 7,4 milioni di dollari all'anno.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali