FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brindisi: inganna 13mila persone vendendo PS5 che non possedeva, truffa da 800mila euro

Il titolare di unʼazienda pugliese aveva stuzzicato gli acquirenti con offerte sottocosto su prodotti non presenti in magazzino, perdendo il controllo della situazione: ora il 25enne si è costituito

Euromediashop - Christian Ciciriello
IGN

Sembra quasi surreale la storia di Christian Ciciriello, il 25enne titolare dell'azienda Euromediashop di Tuturano (Brindisi), che nelle ultime settimane si era fatta notare per le incredibili offerte su prodotti elettronici, in particolare iPhone e le nuove console come PlayStation 5. La società pugliese, che ha piazzato oltre 13mila ordini sul proprio sito, vendeva in realtà prodotti non presenti nel suo magazzino nella cosiddetta Operazione Salva Natale, puntando sullla disponibilità (altrove, infatti, le console erano esaurite da tempo) e sul prezzo conveniente per attirare i consumatori in cerca delle ultime piattaforme da gaming.

La situazione, però, è rapidamente sfuggita di mano al giovane residente a Brindisi, che dopo aver spedito alcuni dei prodotti sottocosto (ma non gli iPhone o le console next-gen di Sony, stando a quanto confidato da DDAY) facenti parte del "famigerato volantino" distribuito nella regione, ha perso il controllo e iniziato ad accettare più ordini di quelli che avrebbe potuto effettivamente evadere.

 

Così, Ciciriello ha accumulato bonifici per più di 800mila euro, ritrovandosi in una situazione impossibile da gestire: senza console né tantomeno smartphone da poter spedire, il giovane si è dileguato, sparendo nel nulla e non rispondendo alle numerose sollecitazioni da parte dei clienti infuriati. Il numero di cellulare da cui accettava gli ordini è stato disattivato, il sito internet che era stato popolato da recensioni positive (acquistate su internet da un sito che offre questo genere di "servizi") è scomparso, mentre la pagina Facebook è stata cancellata.

 

Euromediashop - Christian Ciciriello
IGN

 

Euromediashop ha smesso di esistere in un batter d'occhio, agitando tutti coloro che avevano speso i sudati risparmi nella speranza di portarsi a casa un nuovo smartphone o una console di nuova generazione. "Qualcuno ha annullato il bonifico", ha confessato il giovane Ciciriello prima di confidare la volontà di costituirsi, presentandosi "spontaneamente" alla Guardia di Finanza di Brindisi dopo essere stato indagato per truffa.

 

In un messaggio vocale inviato all'emittente Antenna Sud - Canale 85, Ciciriello ha dichiarato: "Chiedo scusa a tutte le persone che ho raggirato: oggi vado a costituirmi". Accompagnato dal suo avvocato Luigi De Franco, Ciciriello si è effettivamente presentato nel pomeriggio di ieri in caserma, confessando di aver ideato la truffa e di aver perso il controllo della situazione, trovandosi in un ciclone da cui era sostanzialmente impossibile uscire indenni. "Non volevo truffare nessuno, spero che tutti possano riavere i loro soldi", avrebbe dichiarato il 25enne nella confessione: peccato però che gli 800mila euro non ci siano più, dal momento che lo stesso Ciciriello ha sostenuto di fronte ai carabinieri di aver devoluto il denaro in beneficienza.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali