FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Australia: la baby campionessa di Pokémon ha solo sette anni

Lʼadorabile Simone Lim sbaraglia tutti gli avversari e si aggiudica il titolo di campionessa indiscussa nei campionati internazionali Pokémon Oceania svoltisi a Melbourne


Simone Lim - Pokémon: Spada e Scudo

Il torneo internazionale di Pokémon tenutosi a Melbourne, in Australia, quest'anno ha avuto colpi di scena e momenti non dissimili dalla sua versione animata e videoludica. La baby giocatrice Simone Lim, di appena 7 anni, sembrava essere davvero uscita da un cartone animato e si è aggiudicata il titolo di campionessa al termine di un'entusiasmante finale del Campionato Junior per Pokémon: Spada e Scudo, conquistando con la sua dolcezza tutto il pubblico presente e in rete.

L'ultimo scontro si è tenuto dopo un lungo weekend in cui si sono sfidate tutte le divisioni provenienti da ogni parte del mondo. Lim si è scontrata con Justin Miranda-Radbord, un allenatore di Pokémon più grande ed esperto di lei, nonché favorito per il podio, avendo precedentemente vinto numerosi campionati internazionali, incluso il titolo del Pokémon Oceania dello scorso anno.

 

Simone Lim - Pokémon: Spada e Scudo

 

Dopo una lunga battaglia, sembrava infatti che Lim dovesse avere la peggio, data anche la sua prima partecipazione al campionato. Invece, in un grandioso colpo di scena, la bambina ha sfoderato le sue mosse migliori a suon di Pokémon su Nintendo Switch, battendo il suo temibile avversario in una terzo round decisivo.

 

Simone Lim - Pokémon: Spada e Scudo

 

Dopo la vittoria, Lim ha sorriso timidamente mentre un'amica si è precipitata per darle un forte abbraccio. Stringendo un peluche di Eevee, la creatura simile a una volpe grande quasi quanto lei durante un'intervista, la baby campionessa ha detto di essere felicissima della sua vittoria, dedicata ai suoi amici, alla sua famiglia e al suo allenatore. Alla domanda se avesse altro da aggiungere, ha risposto con un timido "no" che ha sciolto i cuori della rete.

 

 

La sua vittoria le apre la strada per un brillante futuro come allenatore di Pokémon. Chissà, forse un giorno avrà anche una palestra tutta sua.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali