FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Valentino, 90 anni di vita e arte dell'ultimo imperatore della moda

È stato il primo a dare abito alla personalità delle donne: dal suo celebre colore rosso alla consacrazione di una leggenda

Moda e miti: Valentino, i 90 anni del nostro "ultimo imperatore"

L'ultimo imperatore della moda, un nome inconfondibile, una stella che non smetterà mai di brillare.

"Amo la bellezza, non è colpa mia", è forse la frase che più di ogni altra racconta

il mondo e la visione di Valentino

. Il nostro più grande couturier compie 90 anni e resta a tutt'oggi l'unico ad aver dato alla moda italiana quel senso di grandezza, di magnificenza, di fasto e glamour che l'hanno resa unica a livello internazionale, dagli anni Sessanta in poi.


UNA DONNA NUOVA E IL ROSSO VALENTINO

- Valentino sin da allora è stato il primo a "liberare" la donna da un ruolo che era esclusivamente quello di moglie e amante. Ha iniziato a vestirne

la personalità, il carattere, il carisma

. Creava le sue collezioni seduto alla sua scrivania con foglio e matita. Nell'archivio della maison ci sono i suoi bozzetti anche sui conti dei ristoranti, sulle bustine dei fiammiferi. Fin dalla prima sfilata a Firenze, a Palazzo Pitti, nei primi anni Sessanta, a contraddistinguere le sue creazioni è

un colore acceso, destinato a passare alla storia

: il rosso Valentino, una tonalità tra il carminio, il porpora e il cadmio. Affascina da allora teste coronate e first lady, dive del cinema e celebs, tutte diventate sue amiche: da Jackie vedova Kennedy, poi sposa Onassis, a Marella Agnelli, da Nancy Reagan a Rosario di Bulgaria, da Liz Taylor a Sophia Loren e tante altre. 
 


UN GRANDE SOGNATORE

- Nato a Voghera l'11 maggio 1932, Valentino Clemente Ludovico Garavani - ma per tutti

semplicemente e solo Valentino

-, agli inizi degli anni Cinquanta si è trasferito a Milano per frequentare la scuola di "figurini" (così si chiamava allora) e per prendere lezioni di francese. Da qui, Parigi, allora unica capitale mondiale della moda, per studiare presso la Chambre Syndicale de la Haute Couture Parisienne. Poi il rientro in Italia e l'incontro a Roma, al Café de Paris di via Veneto, con Giancarlo Giammetti, da allora suo braccio destro e compagno di tutta la vita. "Da bambino

ero un sognatore

- ha raccontato -, sognavo le dive del cinema e tante altre cose belle. E mia madre mi diceva di smetterla di pensare a

quelle cose inutili

". Favolose le sue dimore: castelli, ville d'epoca, super attici e chalet sparsi da Parigi a New York. Grande il suo amore per i carlini.
 


LE CELEBRAZIONI

- A Valentino, nel 2007, è stata dedicata una mostra monumentale all'Ara Pacis, per il 45esimo anniversario della maison. Un caposaldo anche il documentario del 2008 "Valentino: The Last Emperor", di Matt Tyrnauer. Per i suoi 90 anni, invece,

apre al pubblico una mostra

allestita nel Teatro Sociale di Voghera, che ospita abiti, bozzetti, fotografie e documenti d'archivio. La maison Valentino, invece, ha realizzato

una felpa in edizione limitata

, con in rosso l'iconica frase "I love beauty, It's not my fault" (Amo la bellezza, non è colpa mia). È in vendita esclusivamente online sul sito ufficiale (valentino.com) e l'intero ricavato sarà devoluto alla Fondazione Valentino Garavani e Giancarlo Giammetti.



Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali