FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Moda, ʼgaffeʼ in Cina per Versace: le scuse di Donatella

Su alcune magliette del brand i nomi di Hong Kong e Macao come città indipendenti

Moda, 'gaffe' in Cina per Versace: le scuse di Donatella

Dopo il caso che ha visto coinvolti nei mesi scorsi Dolce&Gabbana in Cina, ora tocca a Versace commettere una 'gaffe'. Su delle magliette e delle felpe vendute dalla maison italiana, secondo quanto riferiscono i media cinesi, figuravano i nomi di Hong Kong e Macao come città indipendenti e non come città cinesi suscitando delle polemiche.

LE SCUSE DI DONATELLA - "Mi dispiace profondamente per il recente sfortunato errore che è stato fatto dalla nostra azienda e che è attualmente oggetto di discussioni sui social", scrive Donatella Versace in un post su Facebook. "Non ho mai voluto mancare di rispetto alla sovranità Nazionale della Cina ed è per questo che ho voluto scusarmi personalmente per questa imprecisione e per qualsiasi problema causato", prosegue. Il gruppo, scrive ancora, "si scusa per il design del suo prodotto e un richiamo delle t-shirt è stato fatto a luglio. Il marchio si prende la responsabilità e sta valutando azioni per migliorare il modo in cui operiamo giorno dopo giorno per diventare più coscienziosi e consapevoli".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali