FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ue: "Pagare gas russo in rubli viola sanzioni", ma secondo Bloomberg alcune aziende l'avrebbero già fatto

Per l'agenzia americana, sarebbero già 4 le società europee che hanno effettuato pagamenti in valuta russa, e altre 10 avrebbero già aperto i conti necessari per farlo

Le compagnie energetiche che ottemperano all diktat di Mosca di aprire un secondo conto in rubli con Gazprombank commettono una violazione delle sanzioni contro la Russia.

Il monito arriva da funzionari dell'Unione Europea, secondo i quali "se le aziende pagano in euro, non violano le sanzioni". Ma l'Ue non può accettare che "le aziende siano obbligate ad aprire un secondo conto" e che il pagamento sia considerato "completato soltanto quando viene convertito in rubli". Intanto, però, secondo Bloomberg 4 acquirenti europei di gas hanno già pagato le consegne di gas in rubli.

Secondo l'agenzia, che cita una fonte anonima vicina al colosso russo del gas Gazprom, dieci società europee (che non vengono nominate) hanno inoltre aperto con Gazprombank i conti necessari per soddisfare le richieste di pagamento del presidente Vladimir Putin.


 



 


Il gruppo russo Gazprom ha annunciato mercoledì di aver sospeso tutte le consegne di gas in Bulgaria e Polonia, sostenendo che i due Paesi membri dell'Unione europea non avevano effettuato alcun pagamento in rubli.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali