FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Occupazione, nel 2050 in Italia solo uno su due avrà un'età lavorativa

I dati Istat: il rapporto tra chi potrà esercitare una professione e chi no passerà da circa 3 a 2 nel 2021 a circa 1 a 1 tra meno di 30 anni. L'impatto sul welfare e sulle politiche sociali sarà importante

giovani lavoro disoccupati disoccupazione occupazione, generica
ansa

E' una fotografia impietosa quella che arriva dall'Istat sul futuro dell'Italia: crollo delle nascite, invecchiamento in aumento e, conseguente, assenza di lavoro.

Sono i numeri a parlare che non lasciano molti margini interpretativi: da 59,2 milioni di abitanti al gennaio 2021 si passerà a 57,9 nel 2030, per arrivare a 54,2 milioni nel 2050 fino a 47,7 nel 2070. In meno di 50 anni la popolazione diminuirà di 11,5 milioni e, naturalmente anche la struttura sociale cambierà:

il rapporto tra individui in età lavorativa

(15-64 anni)

e non

(0-14 e 65 anni e più)

passerà da circa 3 a 2 nel 2021 a circa 1 a 1 nel 2050,

con tutti i nodi di finanza pubblica e previdenziale che questo si porta dietro.

Gli abitanti che superano i 65 anni oggi rappresentano il 23,5% del totale,

quella fino a 14 anni di età il 12,9%, quella nella fascia 15-64 anni il 63,6% mentre l'età media si è avvicinata al traguardo dei 46 anni. Di fatto, la popolazione del Paese è già ben dentro una fase accentuata e prolungata di invecchiamento. E

ntro il 2050 gli over 65 potrebbero rappresentare il 34,9%

del totale secondo lo scenario mediano.


Legislatura alla fine, la Camera chiude i battenti con il dl Aiuti bis e i lavori in corso: ecco i tabelloni digitali per il voto


L'impatto sul welfare e in generale sulle politiche di protezione sociale sarà importante,

dovendo fronteggiare i fabbisogni di una quota crescente di anziani anche a fronte di una diminuzione drastica (il 50% in meno) di persone che potranno lavorare. Sul piano dei rapporti intergenerazionali si presenterebbe il tema di un rapporto squilibrato tra over 65 e ragazzi, in misura di circa tre a uno. 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali