FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: gli occupati tornano ai livelli pre-crisi, al 58%, 200mila in più a dicembre

Al lavoro il 58,8% della popolazione, con un calo dei disoccupati al 10,3%. Aumenta lievemente il tasso tra i giovani, pari al 31,9%

A dicembre 2018 l'occupazione è cresciuta dello 0,9% rispetto a dicembre del 2017, pari a 202mila unità in più. Lo comunica l'Istat specificando che ad aumentare sono stati lavoratori a termine (+257mila) e indipendenti (+34mila), mentre sono diminuiti i dipendenti permanenti (-88mila). Il tasso di occupazione nell'ultimo mese del 2018 si è attestato al 58,8%: si tratta del livello più alto da prima della crisi, ovvero da aprile 2008.

Istat: +200mila occupati a dicembre

La disoccupazione scende al 10,3%, giovanile sale al 31,9% - Il tasso di disoccupazione scende quindi al 10,3%, lo 0,2% in meno: l'Istat sottolinea che si tratta del secondo mese consecutivo di calo del numero di chi è senza lavoro. Tuttavia, considerando la media del quarto trimestre i disoccupati segnano un aumento del 2,4%, 63mila in più. Aumenta, seppur lievemente, il tasso di disoccupazione giovanile, che arriva al 31,9% (+0,1%).

Su base mensile, a dicembre i dipendenti a termine sono cresciuti di 47mila e gli autonomi di 11mila, mentre i permanenti sono diminuiti di 35mila. Nel confronto per genere, cresce l'occupazione femminile mentre diminuisce quella maschile.

Considerando i dati del quarto trimestre 2018, l'occupazione segna una lieve crescita rispetto ai tre mesi precedenti (+0,1%, pari a +12mila unità). L'aumento riguarda gli uomini e le classi d'età estreme. Nel trimestre crescono i dipendenti sia a termine sia permanenti, mentre diminuiscono gli indipendenti.

Rispetto a dicembre 2017, l'aumento degli occupati riguarda sia gli uomini sia le donne, i lavoratori a termine (+257mila) e gli indipendenti (+34mila), mentre continua il calo dei dipendenti permanenti (-88mila).

Nel 2017 36mila giovani occupati in più - Nell'arco dell'ultimo anno aumentano gli occupati tra i 15 e i 24 anni (+36mila) e gli ultracinquantenni (+300mila), mentre si registra una flessione tra i 25-49enni (-135mila). Al netto della componente demografica, dice ancora l'Istat, si stima un segno positivo per la variazione occupazionale di tutte le classi di età.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali