FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat: da febbraio oltre mezzo milione di occupati in meno 

A maggio il tasso di disoccupazione risale al 7,8% (tra i giovani è al 23,5%) e, vista la graduale ripresa delle attività, cala al 37,3% il tasso di inattività

Tra emergenza Covid e lockdown, "da febbraio 2020 il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità. A maggio il tasso di disoccupazione risale al 7,8% (+1,2%) e tra i giovani al 23,5% (+2%). Lo rivela l'Istat spiegando che con le graduali riaperture torna a crescere il numero di persone in cerca di lavoro, con un aumento del 18,9%. L'incremento si rileva maggiore tra le donne (+31,3%) rispetto agli uomini (+8,8%).

La diminuzione dell'occupazione - Nel mese di maggio "continua a ritmo meno sostenuto" rispetto ad aprile, mese di pieno lockdown, la diminuzione dell'occupazione, che su base mensile segna un -0,4% pari a -84mila unità, coinvolgendo soprattutto le donne (-0,7% contro -0,1% degli uomini, pari rispettivamente a -65mila e -19mila). Il calo congiunturale dell'occupazione determina "una flessione rilevante" rispetto al mese di maggio 2019, registrando un -2,6% pari a -613mila unità che coinvolge sia le donne (-270mila) che gli uomini (-343mila). 

 

Da febbraio mezzo milione di occupati in meno. Allargando lo sguardo, l'Istat ha rilevato anche che tra emergenza Covid e lockdown, "da febbraio 2020 il livello di occupazione è diminuito di oltre mezzo milione di unità e le persone in cerca di lavoro di quasi 400mila, a fronte di un aumento degli inattivi di quasi 900mila unità". Nel commento ai dati provvisori su occupati e disoccupati di maggio, si sottolinea  che comunque gli ultimi dati mensili "descrivono un'evoluzione diversa rispetto a quella dei mesi precedenti: rispetto a marzo e aprile la diminuzione dell'occupazione è più contenuta, il numero di disoccupati sale sensibilmente a seguito del contenimento delle restrizioni previsto dal Dpcm del 26 aprile e si osserva un recupero consistente di ore lavorate". 

 

Il calo dell'inattività - Rispetto al mese di aprile, a maggio continua dunque, anche se a ritmo meno sostenuto, la diminuzione dell'occupazione. Torna, invece, a crescere il numero di persone in cerca di lavoro, a fronte di un marcato calo dell'inattività. Dopo due mesi di decisa diminuzione, aumenta anche il numero di ore lavorate pro capite. 

 

La graduale ripresa delle attività - Maggio, infatti, è stato il mese caratterizzato dalla graduale ripresa delle attività dopo il lockdown e le chiusure dovute alla pandemia di coronavirus. Tradotto in numeri questo significa che il numero di inattivi, cioè di persone che non sono occupate e non cercano un lavoro, risulta in diminuzione dell'1,6%, pari a -229mila unità. In particolare -1,7% tra le donne (pari a -158mila unità) e -1,3% tra gli uomini (pari a -71mila). L'Istat segnala infine il conseguente calo del tasso di inattività che si attesta al 37,3% (-0,6 punti).

 

A maggio lavorate più ore pro capite - Dopo due mesi di "decisa diminuzione", inoltre, aumenta a maggio il numero di ore lavorate pro capite: il numero, calcolato sul complesso degli occupati, è pari a 29,6, valore di 5,6 ore inferiore a quello registrato a maggio 2019. L'Istat sottolinea che il calo, tuttavia, è "decisamente più contenuto" di quello registrato a marzo e aprile 2020, quando il numero di ore pro capite risultava pari rispettivamente a 25,5 e 22 ore (-10,5 e -11,6 ore rispetto allo stesso mese del 2019.

 

Latina, la raccolta delle angurie tra mascherine e distanze

Al lavoro in una piantagione di angurie a San Lidano, a Latina. Il personale è stato autorizzato a riprendere la propria attività con le dovute precauzioni per le norme antiCovid-19.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali