FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Donne e lavoro, alla Sicilia la maglia nera tra le regioni Ue: occupate il 29,2%

Agli ultimi posti in Europa anche altre tre aree del Sud: Campania, Calabria e Puglia. In tutto il Meridione lʼoccupazione femminile è cresciute solo dellʼ1,6% in quattro anni, contro una media Ue del 3,4%

Donne e lavoro, alla Sicilia la maglia nera tra le regioni Ue: occupate il 29,2%

Ci sono quattro regioni italiane agli ultimi quattro posti della classifica Ue per occupazione femminile: sono Sicilia (29,2%), Campania (29,4%), Calabria (30,2%), Puglia (32%). Lo dice l'Eurostat, precisando che il lavoro femminile è invece aumentato, in media, per le donne tra i 15 e i 64 anni, tra le quali si registra un'occupazione pari al 62,4% in Ue e al 48,9% in Italia.

Tra le aree europee messe peggio sul fronte dell'occupazione femminile anche la Mayotte, regione d'oltremare francese, dove il lavoro "in rosa" si ferma al 32,5%. E sempre in questa regione si registra il dato peggiore riguardante il complesso dell'occupazione (maschile e femminile) con una quota del 32,9%, seguita dal 40,6% della Sicilia, dal 40,8% della Calabria e dal 42% della Campania, mentre la quinta è la Guyana, altra regione d'oltremare francese.

Mentre, infatti, l'Italia risulta il penultimo Paese in Europa per occupazione totale (58% a fronte del 67,6% medio Ue) dopo la Grecia, il nostro Paese mostra squilibri consistenti sia tra i territori, con le regioni del Nord a livelli medi europei mentre quelle del Sud restano molto lontane, sia di genere.

Se per gli uomini la distanza dalla media europea è di 5,8 punti (il 67,1% di uomini occupati tra i 15 e i 64 anni in Italia contro il 72,9% medio Ue) per le donne italiane la distanza è di 13,5 punti (48,9% a fronte del 62,4%). Guardando alle regioni le aree in Europa con l'occupazione femminile maggiore sono in Germania (76,1% medio nel Brandenburgo) e in Finlandia (80,4% nell'Aland) ma anche a Bolzano si segnala un tasso di occupazione femminile pari al 65,9%, dato superiore alla media Ue.

Il lavoro in rosa è cresciuto negli ultimi in Italia (+2,4 punti tra il 2013 e il 2017) ma molto meno rapidamente rispetto alla media europea (+3,4 punti, dal 58,7% al 62,4% nello stesso lasso di tempo) e con il Sud che continua ad arrancare. Nel Mezzogiorno l'occupazione femminile dal 2013 al 2017 è passata dal 30,7% al 32,3 medio con una crescita di appena 1,6 punti. Se si guarda solo all'ultimo anno, l'occupazione delle donne è cresciuta di 0,8 punti in media in Italia, di 0,6 punti nella media delle regioni del Sud e di 0,9 punti in Sicilia mentre in Europa è avanzata dell'1,1%,

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali