FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Istat, i dati sullʼoccupazione migliorano ma solo al Nord: al Sud il tasso è quasi il triplo

La media del 2017 dice che al Mezzogiorno il tasso di disoccupazione è il 19,4% mentre al Settentrione ci si ferma al 6,9%

Istat, i dati sull'occupazione migliorano ma solo al Nord: al Sud il tasso è quasi il triplo

Nella media del 2017 il tasso di disoccupazione è sceso di 0,5 punti percentuali: all'11,2% dall'11,7% dell'anno prima. Lo rileva l'Istat, spiegando che si tratta del terzo calo consecutivo e del livello più basso degli ultimi quattro anni. L'occupazione nella media del 2017 cresce invece dell'1,2%, ovvero di 265mila unità: il tasso di occupazione sale al 58%, il livello più alto dal 2009, pur rimanendo sotto il valore massimo pre-crisi.

Drammatica situazione al Sud Italia - Nella media del 2017 il tasso di disoccupazione si riduce in tutte le aree territoriali del Paese ma "i divari rimangono accentuati: nel Mezzogiorno (19,4%) è quasi tre volte quello del Nord (6,9%) e circa il doppio di quello del Centro (10,0%)". Lo rileva l'Istat. Il 2017, nel complesso, si caratterizza per un nuovo aumento dell'occupazione che coinvolge anche i giovani di 15-34 anni. L'occupazione, nella media del 2017, è aumentata per il quarto anno consecutivo e il tasso di occupazione è salito al 58%, il livello più alto dal 2009.

Nel quarto trimestre del 2017 l'occupazione presenta una lieve crescita congiunturale (+12mila, 0,1%), dovuta all'ulteriore aumento dei dipendenti a termine (+57mila, +2,0%) a fronte del calo di quelli a tempo indeterminato (-25mila, -0,2%) e degli indipendenti (-20mila, -0,4%). Il tasso di occupazione cresce di 0,1 punti rispetto al trimestre precedente arrivando al 58,1%. I dati mensili più recenti (gennaio 2018) presentano, al netto della stagionalità, un lieve aumento del numero di occupati rispetto a dicembre 2017.

Aumentano gli occupati a tempo pieno - La dinamica tendenziale mostra una crescita di 279mila occupati (+1,2% in un anno) circoscritta ai dipendenti (+2,2%), in circa nove casi su dieci a termine, a fronte di un nuovo calo degli indipendenti (-1,9%). Per il tredicesimo trimestre consecutivo aumentano gli occupati a tempo pieno mentre, dopo una crescita ininterrotta dal 2010, il tempo parziale diminuisce. Sulla base dei dati di flusso, a distanza di dodici mesi, si stima un aumento delle trasformazioni da tempo parziale a tempo pieno, soprattutto per quanti svolgevano un part time involontario. Nel quarto trimestre 2017 prosegue la crescita dell'occupazione e del relativo tasso per i giovani di 15-34 anni. L'aumento dell'occupazione, diffuso per genere e ripartizione, è più intenso per le donne e nel Mezzogiorno.

Disoccupazione 2017, a Sud quasi tripla del Nord

Disoccupazione giù per giovani ma su per over 50 - Nella media del 2017 in Italia scende il tasso di disoccupazione per i giovanissimi under 25 (al 34,7%, -3 punti) e per i giovani 15-34enni (al 21,2%, -1,3 punti), mentre sale per gli over50 (al 6,2%, +0,2 punti). Lo rileva l'Istat, aggiungendo che il numero di disoccupati con almeno 50 anni sale a 539 mila (+38mila unità in un anno, +7,6%).

Confindustria: "Sulla strada giusta, dobbiamo accelerare" - "Siamo sulla strada giusta, dobbiamo accelerare", ha commentato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. "Il Nord cresce, ma cresce meno degli altri Paesi europei. Dobbiamo quindi crescere ancora di più e il Sud va accompagnato in una stagione di investimenti e di occupazione. E' la grande sfida del Paese", ha aggiunto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali