FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Tirreno bollente

“MedFever” è il progetto che unisce subacquei e ricercatori per studiare l’impatto del surriscaldamento sugli ecosistemi sommersi

Tgcom24

Sulla Terra fa sempre più caldo, ma neanche il mare scherza. Il

Mediterraneo

si scalda più velocemente degli oceani globali e la temperatura dei nostri mari è aumentata di

un grado rispetto a 50-60 anni fa

.


A soffrire di più per questa situazione ovviamente sono gli

ecosistemi marini

. Per cercare acque più fresche i pesci si spostano in profondità o migrano più a nord. Le forme di vita che invece sono fissate ai fondali, come

le gorgonie o le madrepore

, non possono fuggire, finendo per essere indebolite dalle

ondate di calore

.  


Per

monitorare l’impatto del surriscaldamento

sulla costa e sui suoi abitanti è nato il progetto “

MedFever

”, sostenuto da

Enea

, da

MedSharks

(associazione dedita allo studio e alla conservazione dell’ambiente mediterraneo) e da un gruppo di

subacquei volontari

. L’iniziativa ha previsto il posizionamento, circa un anno fa, di

67 sensori-termometro

dai 5 ai 60 metri di profondità per

controllare la temperatura del mar Tirreno

.


Tgcom24


Dall’Isola del Giglio al Golfo di Napoli, dallo Stretto di Messina a Santa Teresa di Gallura: i sensori, piccoli come una scatola di fiammiferi, sono stati

posizionati in 18 punti strategici e calibrati per raggiungere la precisione di 0,1 gradi centigradi

, misurando la temperatura del mare ogni 15 minuti.


“MedFever” è un’iniziativa che non ha precedenti in Italia, perché nasce dal

monitoraggio volontario

di MedSharks e dalla collaborazione con le istituzioni. Una

rete capillare

che ha permesso di intensificare il monitoraggio in tutto il Tirreno, area dove prima esistevano solo due stazioni di rilievo delle temperature.


Le stazioni di misura stanno permettendo di compilare un

prezioso registro per comprendere meglio le cause delle sempre più frequenti morie di gorgonie e madrepore.

I dati raccolti dai subacquei di MedFever aiuteranno i ricercatori ad analizzare meglio i

meccanismi alla base della sofferenza degli ecosistemi sommersi

. Un lavoro fondamentale per la salute del nostro mare, perché fenomeni climatici come il surriscaldamento e le ondate di calore ci saranno sempre più spesso in futuro. Conoscerli per tempo consentirà di

non arrivare impreparati

e di evitare lo scenario peggiore.


Enea: il progetto "MedFever" 

Il Mediterraneo si scalda più velocemente degli oceani globali e la temperatura dei nostri mari è aumentata di un grado rispetto a 50-60 anni fa. Per monitorare l’impatto del surriscaldamento sulla costa e sui suoi abitanti è nato il progetto “MedFever”, sostenuto da Enea, da MedSharks (associazione dedita allo studio e alla conservazione dell’ambiente mediterraneo) e da un gruppo di subacquei volontari. L’iniziativa ha previsto il posizionamento, circa un anno fa, di 67 sensori-termometro dai 5 ai 60 metri di profondità per controllare la temperatura del mar Tirreno.

Leggi Tutto Leggi Meno


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali