FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Viva la Vulva, la campagna Nuvenia che rompe i tabù sul corpo femminile

Essity, con il suo brand Nuvenia, presenta una mostra collettiva di artiste internazionali che indaga stereotipi e false credenze sul corpo femminile

Ufficio stampa

La nuova coraggiosa campagna Nuvenia debutta a Milano con una mostra collettiva di artiste internazionali legata ai tabù del corpo femminile, a cui è associata un’asta di beneficenza online a sostegno di Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano. La mostra, aperta dal 9 all’11 ottobre presso lo Spazio Six, è parte del palinsesto culturale cittadino 2020 "I talenti delle donne".

Nuvenia scende in campo al fianco delle donne e promuove un dialogo pubblico intorno a questioni sociali che riguardano il corpo femminile, spesso oggetto di tabù.

 

Dopo la rivoluzionaria campagna #Bloodnormal, che rappresentava per la prima volta il ciclo mestruale nella sua dimensione naturale, è oggi il momento di Viva la Vulva, che celebrando le donne e il loro corpo in tutte le sue forme e differenze, mira a rompere i tabù relativi alle parti intime femminili.

 

Entrambe le campagne rispondono all’impegno di Essity nell’abbattere le barriere che ledono il benessere degli individui, attraverso il dialogo pubblico e una corretta informazione volta a superare stereotipi e pregiudizi che limitano la salute e la libertà delle persone.

 

Da una ricerca Essity condotta a gennaio 2020 con l’Istituto Nazionale AstraRicerche, emerge che in Italia 1 persona su 5 non sa definire dove si trovi esattamente la vulva: 1 su 3 ritiene che abbia la stessa forma per tutte le donne!

E ancora: il 23% degli italiani sostiene di non essere abbastanza informato sull'apparato genitale femminile, quasi 3 soggetti su 4 (74%) vorrebbero saperne di più; il 25% non sa indicare dove si trovi la vulva e soltanto il 31% sa che vulva e vagina sono due organi diversi

Inoltre il 45% della popolazione italiana non ne parla mai e il 34% delle donne si dichiara in imbarazzo nel rapporto con la propria zona intima.

 

Si scopre così un’Italia che manifesta, da un lato la necessità di conoscere meglio il corpo femminile, e dall’altro la difficoltà nel parlarne, l’insicurezza nell’affrontare un tema ancora poco trattato.
Inoltre, permangono gli stereotipi sugli aspetti estetici della vulva che portano molte donne a sentirsi insicure, a provare imbarazzo e in molti casi perfino a ricorrere alla chirurgia estetica.

 

Viva la Vulva vuole essere un inno gioioso alle parti intime femminili che il corto rappresenta con creatività e delicata ironia, usando conchiglie, frutti, origami e centrini: perché non esiste una forma perfetta, un corpo perfetto, un solo canone, anche per quanto riguarda la vulva.
 

Nuvenia vuole incoraggiare le donne ad assumere un atteggiamento positivo e sano nei confronti della propria vulva, sfatando credenze, insicurezze e stereotipi con i quali si devono confrontare ogni giorno.

Non esiste vulva "perfetta", così come per le altre parti del corpo, c'è una consistente diversità.

 

La campagna ha vinto ben 6 leoni d’oro nella categoria Health, Creative Strategy (healthcare & brave brand), Glass (uguaglianza uomini/donne) al Festival internazionale della creatività 2019 di Cannes e oltre 60 Premi in altri prestigiosi festival creativi e pubblicitari e sarà on air in TV sulle maggiori emittenti nazionali e digitali e online da ottobre.

 

È all’interno di questo scenario che si colloca la mostra milanese curata da Nuvenia, con una serie di opere che indagano il corpo della donna, la sua anatomia e la sacralità della zona intima femminile, attraverso forme di espressione diverse, eclettiche e singolari: dalla scultura, al ricamo all’installazione, fino al classico acquerello.

 

Alla mostra è inoltre associata un’asta a scopo benefico, in collaborazione con CharityStars, il cui ricavato andrà al Comitato della Croce Rossa Italiana di Milano, per un progetto a supporto delle Donne senza Dimora e, più in generale, delle donne in condizioni di vulnerabilità sociale nell’ambito del quale verranno distribuiti circa 10.000 kit per l’igiene a donne in condizione di fragilità estrema, con l’obiettivo di contribuire alla loro igiene personale.

 

“Siamo davvero orgogliosi del debutto italiano della campagna Viva la Vulva, a cui abbiamo legato una mostra d’arte di grande valore artistico e sociale. Un progetto collettivo che si propone come opportunità di confronto e di dialogo aperto al cambiamento e all’inclusione femminile. Attraverso Nuvenia, Essity dà voce alle donne, alle loro storie, sensibilità, esperienze, tutte diverse e allo stesso tempo tutte preziose. È importante anche per le nuove generazioni che il genere femminile acquisti sicurezza e fiorisca consapevole che la propria zona intima è un piccolo miracolo della natura che non deve rispondere a nessun canone di bellezza, né diventare fonte di imbarazzo” - afferma Lucia Tagliaferri, Direttore Commerciale Consumer Goods Essity Italia.

 

Per scoprire di più sulla mostra, l’asta di beneficenza e la nuova campagna Nuvenia vai su Vivalavulva.nuvenia.it.