FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Giulia Pezzi: "Attraverso l’analisi dei nostri comportamenti possiamo capire chi siamo"

Project Coordinator di Ventiseidieci, la manager lombarda dal mondo della ricerca è arrivata a L'Aquila dove segue le attività della giovane azienda italiana che si occupa di nanotecnologie e informatica

Curiosa e attenta, Giulia Pezzi da qualche anno ricopre il ruolo di coordinatrice per Ventiseidieci che, grazie a tecnologie super sofistate, rende gli oggetti più difficili i più semplici da utilizzare.

Giulia Pezzi, Project Coordinator di Ventiseidieci

Buongiorno, Giulia. Da dove mi risponde?
In questo momento mi trovo a L’Aquila, una città che amo molto e che trovo viva ed effervescente, grazie alle tante aziende che qui hanno costruito un polo di carattere scientifico e tecnologico. Una vera ottima opportunità per la mia azienda e per costruire un network qualificato.
 
Lei non è abruzzese, mi pare: come è arrivata lì?
Sono in questa città dal 2015 e ci ero arrivata perché lavoravo in un centro di ricerche. Ma è una storia lunga…
 
Me la racconti, sono curiosa.
Fin da piccola sono sempre stata curiosa e mi è sempre piaciuto girare il mondo per fare nuove esperienze e conoscere realtà diverse. Per esempio, durante gli studi universitari, ho fatto l’Erasmus in Germania, sebbene non conoscessi il tedesco, e poi il dottorato in Austria specializzandomi in antropologia e difendendo la mia tesi, focalizzata sul turismo, proprio in tedesco. Non mi sarebbe affatto dispiaciuto rimanere a vivere in un posto diverso da quello in cui sono cresciuta, la Lombardia, ma sentivo che sarebbe stato giusto dedicare la mia esperienza e la mia formazione al mio Paese e inoltre sentivo la mancanza della mia famiglia, a cui sono molto legata.
 
L’antropologia è una scienza molto particolare: da cosa nasce il suo interesse?
Mi è sempre interessato studiare la storia e la letteratura e, attraverso l’analisi dei nostri comportamenti, possiamo capire chi siamo, come siamo diventati e perché. Quando ho deciso di intraprendere questo studio non sapevo bene dove mi avrebbe portato in termini di ruolo professionale, ma ho seguito il cuore e sentivo di essere a mio agio e nel posto giusto. In realtà, rientrata in Italia, ho vinto un posto come ricercatrice a Bergamo e mi sono occupata di un progetto legato alla lotta alla corruzione nel periodo in cui fu promulgata la prima legge relativa a questo reato in ambiente pubblico. Un argomento molto spinoso e delicato, soprattutto per una giovane.
 
Da Bergamo a L’Aquila: come è andata?
Ho seguito un progetto per Expo Milano 2015, molto bello anche se estremamente faticoso, e poi ho vinto un’altra posizione proprio a L’Aquila focalizzato sullo sviluppo turistico, terminato il quale mi sono fermata per chiedermi cosa volessi fare davvero. Un periodo di riflessione molto utile a cui è seguito l’invio di curricula sempre però con l’incertezza legata alla spendibilità dei miei studi in antropologia.
 
Tuttavia, non è stato difficile trovare chi credesse in lei.
Infatti, è così. Ventiseidieci è una realtà italiana nuova che ha solo tre anni di vita, con sede a Roma, ma che ha aperto uffici nel polo scientifico di questa città, tenuto conto che il core business sono le nanotecnologie e l’informatica, e ha ritenuto che fossi la persona perfetta per un ruolo di coordinamento e visione. Trovo estremamente interessante quello che faccio anche perché è una vera sfida applicare tecnologie incredibilmente sofisticate a oggetti il cui utilizzo deve essere il più semplice possibile. Un esempio? Abbiamo studiato dei biosensori che si applicano come cerotti sulla pelle e che sono capaci di cambiare colore a seconda dello stato di idratazione dell’individuo, informazione molto interessante per chi soffre di particolari patologie o anche per chi pratica sport a livelli medio alti.
 

Come donna è stato difficile inserirsi in un contesto tipicamente maschile?
Io personalmente non ho trovato nessun ostacolo, ma è un fatto che le donne sono considerate sempre in scadenza: in procinto di sposarsi o di fare figli. Questo atteggiamento condiziona le scelte che vengono fatte a priori e di cui le donne sono oggetto, mai soggetto.
 
Tempo libero: che mi dice?
Amo il fai da te, sono attratta dai colori e per questo mi dedico alla realizzazione di coperte per i bambini fatte a maglia o all’uncinetto: per me è una specie di yoga che mi consente di concentrarmi appieno in quel che sto facendo e che in qualche modo mi richiama alla tradizione di famiglia che mi è piaciuto recuperare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali