FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Come trasmettere ai figli lʼamore per la lettura

La passione per saggi e romanzi non si insegna a parole, lʼesempio è il modo migliore per iniziare ad appassionarsi di libri

Come trasmettere ai figli l'amore per la lettura

Un bambino completamente immerso nella magia di un racconto: un'immagine bellissima e densa di significato. Un libro può, infatti, trasportare in dimensioni fantastiche e far vivere avventure impensabili. Inoltre, leggere per i ragazzi significa scoprire qualcosa di sé, a partire dai gusti fino alle inclinazioni personali. Come infondere a un figlio l'amore per i libri e la gioia di leggere? Con l'esempio, il divertimento, la sorpresa oltre che librerie speciali, gite in biblioteca, letture ad alta voce e notti speciali…

Libreria, un luogo speciale - Scegliere quale libro acquistare è un'operazione che non va compiuta di fretta, anzi. Si tratta di un vero e proprio piacere sensoriale. Toccare un volume, sfogliarne delicatamente le pagine con le dita, annusare la carta fresca di stampa... Se mamma e papà si lasciano trasportare da quest'esperienza dei sensi, è facile che anche i figli inizino ad amare le uscite in libreria. Sono ormai numerosi, inoltre, i negozi che prevedono spazi creati appositamente per bambini e ragazzi: tavolini, divani, tappeti e moltissimi libri ad altezza "mini".

Biblioteca, non solo se fuori piove - I bambini si innamorano delle biblioteche in men che non si dica. Tanto che, una volta conosciute, saranno proprio loro a trascinarvi i genitori. In biblioteca, va spiegato ai più piccoli, i volumi non si acquistano ma si prendono in prestito. Questa forma di nuova responsabilità farà sentire 'grandi' e provocherà una piacevole e gratificante sensazione di indipendenza. Senza dimenticare che le biblioteche comunali e rionali offrono la possibilità di avere una tessera personale anche ai bimbi molto piccoli, tutto ciò sarà motivo di grande orgoglio per i mini-lettori. Unica avvertenza per i genitori: mentre i figli scelgono i libri i grandi si dovranno occupare dei propri reparti lasciandoli liberi nell'esplorazione di titoli, scrittori, generi e passioni spontanee.

Leggere insieme - I 'reading' non sono esclusiva delle librerie o dei palcoscenici teatrali. Anche in famiglia si può improvvisare una lettura ad alta voce. I nonni, in tempi difficili, lo facevano spesso perché si trattava di una forma di intrattenimento accessibile a tutti e 'sana', nonché di un collante familiare di tutto rispetto. Nuove e vecchie generazioni, unite attorno a una storia, si sentono così parte di un'avventura comune lontana dal mondo virtuale ma molto vicina alla dimensione dei sogni. Che cosa leggere? Dalla favola della buonanotte fino al racconto del terrore nei pomeriggi temporaleschi (considerando sempre età e gusti di tutti i membri della famiglia).

Notti emozionanti - Chi non ha mai provato a leggere nel proprio letto, con le luci spente e una piccola torcia accesa sotto le coperte? Si tratta di una delle condizioni più eccitanti che possa vivere un bambino. Il libro diventa, quindi, il compagno di sensazioni esclusive e di viaggi immaginari che preludono a un sonno rigenerante, stimolando positivamente la fantasia e la creatività. I genitori, in questo caso, possono decidere insieme al bambino un orario massimo in cui anche la torcia dovrà spegnersi. Ma, prima del coprifuoco, nessuna intrusione adulta è ammessa.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali