FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Come parlare alla maestra di tuo figlio, tra sincerità e diplomazia

Per affrontare nel migliore dei modi un colloquio a scuola occorrono calma e obiettività

Come parlare alla maestra di tuo figlio, tra sincerità e diplomazia

Il rapporto tra genitori e insegnanti è da sempre fonte di riflessioni, se non di vere e proprie tensioni familiari. Negli ultimi anni si è, però, assistito a un generale assottigliamento del confine di formalità che separava i docenti dalla famiglia dell'alunno. Tutto ciò ha portato a una perdita di autorevolezza dell'insegnante sia agli occhi dello studente sia nei confronti della società stessa. Come stabilire, quindi, un rapporto e un colloquio equilibrati con il corpo docente? Attraverso l'esercizio di due qualità in disuso, ovvero la chiarezza unita alla gentilezza di modi e intenti.

No all'arroganza, anche se l'insegnante è ostile - Spesso il colloquio con maestre e professori nasce da una problematica verificatasi in classe con l'alunno. Scarso profitto, condotta indisciplinata, poco interesse... qualsiasi sia la motivazione alla base dell'incontro con i docenti, è importante porsi in ascolto senza cadere nella strenua difesa "a priori" del pargolo.

Obiettività e fiducia - Sono rari, ma esistono anche i casi in cui pare che il docente si "fissi" su uno studente della classe in particolare, il quale si percepisce come perseguitato ingiustamente. Di conseguenza, è facile che la famiglia dell'alunno entri immediatamente in un clima battagliero con l'intero consiglio di classe. In queste situazioni, è opportuno mantenere un buon livello di obiettività e non perdere la fiducia negli educatori. Con lucidità, si faranno poi le dovute considerazioni accantonando però concetti quali "persecuzione" o ingiustizia.

Le parole giuste - Dialogare mostrando proprietà di linguaggio, e cortesia, è sempre un ottimo biglietto da visita anche quando l'argomento di discussione è scottante (per esempio, un problema di disciplina o un calo del profitto dell'alunno). Vietate le parolacce così come i modi di dire eccessivamente colloquiali: va sempre mantenuta una certa, reciproca, distanza di toni tra genitori e insegnanti. Un modo di parlare più "colorito", anche se avallato dall'amore genitoriale, fa passa sempre dalla parte del torto.

Senza timori - La formalità e l'educazione non devono, però, significare omissioni e atteggiamenti remissivi per paura di eventuali reazioni dell'insegnante. Il colloquio, infatti, nasce proprio per fare chiarezza e risolvere i reciproci dubbi. Il rispetto non dovrebbe, dunque, sfociare in un obsoleto timore reverenziale verso i docenti. Anzi, maestre e professori apprezzeranno la sincerità dei genitori espressa con calma ed educazione.

Riflessioni post-colloquio - Dopo aver parlato con l'insegnante, è opportuno riflettere a posteriori su ciò che è stato detto in sede di colloquio. Ed eventualmente, riferire al bambino o al ragazzo le impressioni ricevute e i consigli dei docenti. Avendo, però, l'accortezza di non giudicare mai negativamente gli insegnanti davanti ai propri figli: un comportamento del genere potrebbe portare alla totale perdita di autorevolezza degli stessi docenti agli occhi del minore, con conseguenze deleterie su profitto e attenzione.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali