FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bucato: come smacchiare i tessuti con i rimedi naturali

Se togliere macchie e aloni dai vestiti ti sembra una missione impossibile affidati alla natura. Con alcol, sale, limone, aceto e bicarbonato puoi salvare quasi tutti i capi

Bucato: come smacchiare i tessuti con i rimedi naturali

Ogni macchia ha il suo rimedio. Prima di agire però ci sono delle regole generali da seguire: agire il prima possibile evitando di far seccare la macchia. Usare quasi sempre acqua fredda perché quella calda "fissa" la macchia sul tessuto. Evitare di strofinare energicamente ma tamponare è la soluzione che toglie lo sporco e salva i tessuti. Infine, prima di procedere con il lavaggio controllare bene le indicazioni delle etichette dei capi da trattare.

Per le macchie di cibo - I residui di vino rosso sulla tovaglia lasciano sempre antiestetici aloni. Un buon rimedio è quello di versare immediatamente sulla macchia acqua frizzante, strofinare delicatamente con acqua fredda e mettere subito in lavatrice. Anche il sale può far "asciugare" la macchia di vino: bisogna coprirla subito con uno strato di sale e lasciar riposare per 10 minuti prima del lavaggio. Per le macchie di unto come l'olio bisogna aggiungere immediatamente farina o borotalco, capaci di assorbire la maggior parte dello sporco. Il caffè si toglie con una miscela di acqua gassata e succo di limone. Gli schizzi di sugo sulla tovaglia o sulla camicia vanno tamponati subito con aceto bianco. L'insidioso cioccolato va tamponato subito con acqua ossigenata se il cotone è bianco. Se il capo è colorato può andare bene l'aceto bianco.

Per le macchie di erba e fango - Sono tra le macchie più comuni tra i bambini e ragazzi che, soprattutto nella bella stagione, ne collezionano una gran quantità! Per l'erba bisogna evitare di lasciar seccare la macchia sul tessuto e far ricorso all'alcol puro o all'acqua ossigenata, strofinando delicatamente il capo. Se non va via si può provare con un metodo più strong (da evitare su tessuti delicati): un ammollo di almeno 12 ore con acqua calda, aceto bianco e ammoniaca in parti uguali. Al contrario dell'erba, il fango va lasciato asciugare per asportare i residui secchi con una spazzola. Infatti se si intervenisse subito con l'acqua, la macchia di fango tenderebbe a fissarsi sul tessuto.

Per le macchie di pennarelli e inchiostro - Come fare invece a salvare grembiulini e t-shirt dei piccoli studenti? Se le macchie di pennarello non vanno via con un normale lavaggio in lavatrice bisogna tamponare il tessuto con carta assorbente imbevuta di acetone, cambiando spesso la carta finché la macchia non sarà sparita. Per l'inchiostro è utile versare sulla macchia sale fino per far assorbire il liquido e poi tamponare con succo di limone finché non rimane solo l'alone, da eliminare con un lavaggio in lavatrice.