FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coppia: le regole del litigio perfetto

Come trasformare uno scontro potenzialmente letale per la relazione in un confronto costruttivo (e alla fine dimostrare che avevamo ragione)

Coppia: le regole del litigio perfetto

I litigi sono il sale della vita a due. Del resto è molto meglio confrontarsi, e al limite, scontrarsi, piuttosto che passare le giornate tra mugugni e silenzi carichi di astio e sottintesi. Bisogna però imparare a discutere in modo assertivo, ovvero motivando le proprie convinzioni senza lasciarsi troppo trascinare dall’emotività, e imparare a tirare l’acqua al proprio mulino senza offendersi reciprocamente. Tutto questo, naturalmente, non significa rinunciare a dimostrare che avevamo ragione.

ANDARE ALL’OBIETTIVO – Non perdiamo di vista che lo scopo della discussione è dimostrare la verità di una tesi, oppure la correttezza di una posizione o di un comportamento. Focalizziamoci sul tema, senza divagare e se è possibile, senza tirare in ballo i massimi sistemi. Stiamo discutendo sulle condizioni in cui abbiamo trovato il soggiorno rientrando dal lavoro e dopo che lui ha guardato la partita in tv, non sul modo in cui il nostro lui è stato educato dalla sua famiglia. Evitiamo anche di criticare il carattere e la personalità del partner: non stiamo mettendo in discussione la persona, ma un comportamento.

PUNTI DI VISTA – Sforziamoci di vedere le cose da più angolazioni e prendiamo in considerazione il suo punto di vista oltre che il nostro. Non si tratta di cercare delle giustificazioni a un comportamento che ci ha irritate o ferite, né di sminuire i nostri sentimenti, ma di individuare (e magari discutere) perché lui si è comportato così. Al di là delle apparenze, potrebbe esserci un motivo, se non valido, almeno comprensibile: a quel punto è su questo che dovremo concentrare la nostra attenzione. Come ha scritto l’esperto di comunicazione Jay Sullivan nel suo libro “Simply Said: Communicating Better at Work and Beyond”, fare domande è il modo migliore per uscire al meglio da una discussione perché ci permette di conoscere realmente la nostra controparte al di là della percezione istintiva e superficiale che ne abbiamo in quel preciso momento.

SOLO IL PRESENTE – Un altro errore da evitare è ripercorrere in una lite tutti i possibili motivi di disaccordo che possiamo aver avuto in passato. Inutile riportare a galla, per una cucina non riordinata, i disaccordi e i movitivi di scontento degli ultimi sei mesi. Fermiamoci al qui e ora: del resto che cosa ci interessa davvero in questo momento? Fare in modo che, quando lui riordina dopo cena, i piatti finiscano in lavastoviglie e i cibi in frigorifero (e non viceversa).

CHIEDIAMO QUELLO CHE DESIDERIAMO – Inutile aspettarsi che lui “ci arrivi da solo”: se desideriamo qualche cosa, meglio chiederla direttamente, con cortese fermezza e in modo semplice e diretto, senza dare nulla per scontato. In caso contrario potremmo aspettare per secoli e trovarci incattiviti ed esasperati: del resto non tutti sanno leggere nel pensiero altrui, neppure il nostro compagno.

CHE GUSTO C’E’? – Forse può sfuggirci, ma si litiga per trovare una soluzione a uno stato di disaccordo, non per il gusto di farlo. Se ogni divergenza si trasforma in una prova di forza e in una battaglia solo per il gusto di avere l’ultima parola, è di rigore un bell’esame di coscienza da parte di entrambi. Le discussioni di questo genere, infatti, non portano a nessun risultato e non apre nessuno spiraglio di comprensione reciproca.

ATTENZIONE AL LINGUAGGIO – Essere in disaccordo non autorizza le due parti a trascendere i limiti della buona creanza e del comportamento civile. Prestiamo la massima attenzione al nostro modo di parlare e al linguaggio del corpo: un gesto o un’espressione possono ferire e offendere più di mille parole. Non abbandoniamoci mai all’insulto, o peggio ancora alla violenza; allo stesso modo non dobbiamo tollerare che lo faccia il nostro partner. Se ciò dovesse accadere, allontaniamoci immediatamente: usciamo dalla stanza e, se è necessario, dalla casa.

UN PIZZICO DI SANA IRONIA – Una lite che sta per salire troppo di tono può essere disinnescata da un battuta di spirito e da un motto capace di suscitare una risata. Attenzione però: ironia non vuole dire sarcasmo. Se l’intenzione dello scherzo non è chiara al di là di ogni dubbio, meglio concentrare la battuta su noi stesi, invece che sul partner.

E ALLA FINE FACCIAMO PACE – E’ l’atto davvero vincente dopo uno scontro: al di là di come è finita la discussione e di chi ha avuto la meglio, chiediamoci scusa vicendevolmente e voltiamo pagina.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali