FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Debutta a Milano Hekfan, ambasciata della cucina di Hong Kong in Italia

Un intenso viaggio gastronomico guidati dallo Chef Kin Cheung attraverso le tradizioni i simboli e i costumi hongkongesi

Hekfan 

Hong Kong, ovvero la Cina vista dal buco della serratura.” Così descritta dallo scrittore Ennio Flaiano, la megalopoli asiatica conquista l’Italia con le sue luci, il suo fermento culturale e il suo sapore. Grazie al ristorante

Hekfan

, che ha appena aperto i battenti in zona Brera (via Formentini), è possibile riscoprire i simboli, le tradizioni e i costumi hongkongesi, attraverso un intenso viaggio gastronomico.


 


Guidato dallo

Chef Kin Cheung

, uno dei maggiori interpreti della cucina orientale nel nostro Paese, il locale si afferma come una

vera e propria ambasciata della cucina di Hong Kong in Italia

, portando la gioia del convivio già nel nome: in cinese

Hek significa “mangiare” e Fan sta per “cibo”

.


 


È il

menù Banquet

il punto forte del ristorante, una

serie di 10 piatti

che guiderà i commensali verso la scoperta della cucina locale della splendida città. Uno di questi è la

zuppa stile Duwn

, realizzata secondo un complesso metodo di preparazione che prevede la

cottura a sé dei singoli elementi

(pollo, prosciutto, maiale, funghi) e poi la loro unione, seguita da diversi filtraggi per ottenere un brodo estremamente limpido. Per questo motivo è servita nella

ciotola Zon

, che sul fondo riporta disegni o ideogrammi.


 


Oppure il

maiale Don Po

, che completa l'

ultima fase della sua cottura direttamente al tavolo

. Per realizzarlo si utilizzano due calici di alcol, più un terzo che viene

“acceso” davanti ai commensali

per dare uno shock termico al piatto. La grappa di bambù usata per il flambage consente alla carne di assorbire la salsa e restare estremamente morbida. Il piatto combina la tradizione di Taiwan di cucinare usando due bicchieri di alcol in cottura e un terzo al tavolo, con quella cantonese di portare la ciotola (il clay pot) ad alta temperatura, così che la pietanza continui a cuocere fino al suo arrivo al tavolo.


 


Alla fine del pasto

, insieme a del tè bianco, utile per la digestione, è servita una

zuppa dolce di fagioli rossi con petali di giglio

, che al pari delle lenticchie nostrane, è considerato un

augurio di fortuna e successo economico,

mentre il fiore è simbolo di armonia e cooperazione.


 


Nel menù di Hekfan non mancano materie prime occidentali, come il

tartufo italiano

,

il foie gras francese

, il

caviale russo

, rispettando il criterio della stagionalità.

Il rispetto della tradizione culinaria

, intesa come strumento per far conoscere la straordinaria storia di Hong Kong,

è un vero e proprio mantra per il team di Hekfan

, grazie a cui è possibile accorciare i 9000 km di distanza che ci separano dalla megalopoli attraverso il sapore delle prelibate pietanze servite.


 


Di

Indira Fassioni 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali