FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Un'intelligenza artificiale può capire i versi dei polli e migliorarne il benessere

Secondo una ricerca della City University di Hong Kong, la tecnologia ha distinto correttamente le chiamate di soccorso da altri rumori del pollaio con una precisione del 97%.

Pixabay

Usare l'intelligenza artificiale per migliorare il benessere dei polli d'allevamento? Secondo una nuova ricerca della City University di Hong Kong, questa potrebbe diventare una possibilità concreta entro cinque anni.

A riportare la scoperta è il quotidiano inglese The Guardian.

Secondo gli studi fatti sul campo, questa tecnologia è stata in grado di

distinguere

correttamente i

versi di sofferenza

dei polli da altri rumori dell’allevamento con una precisione del 97%. La caratteristica particolare dell’

intelligenza artificiale

quindi non sta tanto nel rilevare i versi dei polli, ma nella sua capacità di distinguerli.


 


Una simile scoperta potrebbe contribuire ad

aumentare gli standard di benessere

per i polli, ma anche per altri animali da allevamento, che di solito si trovano in enormi capannoni dove per un osservatore umano è difficile individuare eventuali criticità con precisione.


 


“Il richiamo di soccorso tende a essere più forte degli altri", ha affermato

Alan McElligott

, professore associato di comportamento e benessere degli animali presso la City University di Hong Kong. 


 


Il team di McElligott ha sviluppato uno strumento di

deep learning

(l’apprendimento automatico dell’intelligenza artificiale, Ndr) capace di identificare autonomamente le

chiamate di soccorso

dei polli. Per “addestrare” il dispositivo, i ricercatori hanno usato delle

registrazioni

di polli già classificate da esperti umani. In questo modo, per la macchina è stato più semplice identificare il tipo di suono emesso dagli animali.


 


Prima di rendere il dispositivo disponibile per la commercializzazione, i ricercatori dovranno testarlo in altri tipi di stalla e in allevamenti con diversi standard di benessere degli animali. Se messo a punto, lo strumento potrebbe riuscire anche a prevedere scenari più complessi. Ad esempio quanto peso potrebbero mettere su i polli e quanti di loro potrebbero morire. 


 


"Abbiamo già dimostrato che le

richieste di soccorso

sono un buon indicatore di mortalità e tassi di crescita, e questo è un modo per rendere il

processo di allevamento

ancora più efficiente", ha affermato McElligott. Che con la sua scoperta spera di convincere gli allevatori ad adottare questo tipo di tecnologia anche per altri animali come maiali o tacchini.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali