FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino: prende il via il 32° Salone Internazionale del Libro

Appuntamento con la lettura e le novità letterarie a Lingotto Fiere da giovedì 9 a lunedì 13 maggio 2019

Torino: prende il via il 32° Salone Internazionale del Libro

Cinque giorni di dialoghi e riflessioni intorno ai libri e alla lettura, in compagnia di autori ed editori provenienti da tutto il mondo: siamo al 32° Salone Internazionale del Libro di Torino: la manifestazione, ospitata nella sede di Lingotto Fiere da giovedì 9 a lunedì 13 maggio, si propone come spazio di incontro e dialogo tra lettori, curiosi, editori e addetti ai lavori. Un evento dai ricchissimi contenuti culturali, ma alla portata di tutti, che propone argomenti e riflessioni utili ad affinare lo sguardo e a scoprire qualcosa in più su se stessi e sul nostro tempo, coinvolgendo tutta la scena editoriale italiana e portando avanti la battaglia per la lettura. Il tema di questa edizione è Il Gioco del Mondo.

Il Salone è un progetto di Associazione Torino, Città del Libro e Fondazione Circolo dei lettori, con il sostegno di Regione Piemonte, Città di Torino, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT, e di Ministero per i beni e le attività culturali, Centro per il libro e la lettura, Associazione delle Fondazioni di origine bancaria del Piemonte, Italian Trade Agency ICE – Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, Fondazione Sicilia e Fondazione con il Sud. Ha il sostegno di Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT.

Tra le novità di questa edizione spiccano i 13000 metri quadrati dell’Oval, con una sala da 700 posti, (Sala Oro) e il Caffè letterario (da 200 posti), più l’area della Lingua Ospite. Il Salone è quindi più grande: è immaginato come una mappa in grado di restituire la molteplicità delle case editrici e della produzione letteraria italiana. E’ anche più vivibile, con corridoi ampi, spazi liberi e di sosta, per chiacchierare e riposarsi, e più ospitale, grazie a due ingressi: a quello storico dal Padiglione 1 si aggiunge il secondo accesso dall’Oval, con corsie specifiche, ciascuna dedicata alle diverse categorie di visitatori per entrare in modo semplice e veloce. Per i più giovani c’è uno spazio dedicato, il Bookstock Village nella sua nuova collocazione nel Padiglione 2, nel cuore della fiera. Il Padiglione 1 ospita invece le istituzioni, tanti editori, l’area dedicata a giochi e fumetti. Insomma, un vero oceano di libri. Il tema di questa edizione è Il Gioco del Mondo, secondo il principio per cui la cultura non ha frontiere o linee divisorie, ma è capace di superare fossati e muri. Titolo guida di questa concezione del mondo è il “contro-romanzo” di Julio Cortázar, grande maestro del Novecento e ponte tra due continenti e tra diverse culture: il suo “Il gioco del mondo” è una delle opere più influenti degli ultimi cinquant’anni e costituisce il fil rouge dei cinque giorni del Salone, orientando pensieri e riflessioni.

Il Salone non ha un Paese ospite, bensì una lingua ospite: quest’anno è lo Spagnolo, una lingua che unisce popoli e Paesi, tra le più parlate al mondo e tra quelle che la letteratura ha scelto per esplorare a fondo il cuore degli uomini. E’ attesa una delegazione di autrici e autori provenienti dal Centro e Sud America, per l’ambizioso progetto di costruire “La Plaza de los Lectores”, con biblioteca, libreria, uno spazio dedicato a istituzioni e rappresentanze dai Paesi, e uno per gli incontri.

Regione ospite di questa edizione sono le Marche, a rappresentanza di un’Italia forte della sua varietà culturale e molteplicità, con uno stand dedicato e un panel di incontri, arricchito anche dal contributo delle Università degli Studi di Urbino Carlo Bo; dell’Università degli Studi di Camerino, di Ancona e di Macerata; dei festival culturali del territorio e di grandi intellettuali di origini marchigiane.

Ospite d’onore è Sharjah, nominata dall’UNESCO Capitale Mondiale del libro 2019; fa parte degli Emirati Arabi ed è un gioiello ricco di storia nascosto lungo la spiaggia che si affaccia sul Golfo Persico.

Tra le novità della 32 edizione del Salone segnaliamo le storie “scritte a voce”, cioè quelle realizzate per mezzo dei Podcast, contenuti audio da ascoltare su smartphone, tablet e Smart Tv. Non si tratta di audio-libri, ma di storie create da grandi scrittori appositamente per essere raccontate a voce. La più importante realtà italiana di Podcast “narrativi” si chiama storielibere.fm , ed è produttrice di decine di Podcast diversi e tutti gratuiti: all’interno del Salone è presente con un grande stand (Padiglione 3, Stand Q59) in cui i visitatori possono ascoltare in anteprima sui tablet le nuove serie e le anticipazioni della stagione giugno/dicembre 2019, e incontrare molti degli scrittori protagonisti ,i quali registreranno anche puntate dal vivo. Tra gli ospiti attesi, Michela Murgia (autore del podcast “Morgana”, già scaricato da oltre 350.000 persone), Jacopo Pozzi, Francesco Pacifico, Matteo B. Bianchi, Melissa Panarello, Massimo Temporelli e i loro ospiti. In occasione del Salone del Libro nasce anche Radio Storielibere, il podcast che segue tutti gli eventi firmati storielibere.fm e che ospita il Diario di Nicola Lagioia, direttore del Salone del Libro e vincitore del premio Strega nel 2015 con il romanzo “La ferocia”, nel quale racconta gli eventi del Salone in un podcast quotidiano.

Numerosi e importantissimi sono gli ospiti di questa edizione, tra scrittori e scrittrici internazionali che, attraverso romanzi, saggi, inchieste, drammi e poesie, indagano le pieghe del presente e quelle dell’animo umano. Giovedì 9 maggio il Salone si apre con una grande lezione del filosofo Fernando Savater, uno dei più importanti intellettuali spagnoli di oggi. E’ poi la volta della Russia con la giornalista e attivista di origini russe Masha Gessen, ora residente a New York, una delle più capaci autrici di reportage letterari del momento. L’Africa sub-sahariana è rappresentata da Wole Soyinka, Nobel per la Letteratura 1986, attivista e scrittore nigeriano di etnia yoruba. Poiché il 2019 è l’anno del centenario della nascita di J.D Salinger, al Salone arriva Matt Salinger, attore e produttore, figlio dello scrittore di “Il giovane Holden” (Einaudi) che in una recente intervista ha svelato l’esistenza di una grande quantità di opere, ancora inedite, del padre.

Gli ospiti e gli appuntamenti del Salone sono numerosissimi: Ne ricordiamo qui solo alcuni:
il 9 maggio - ore 14.00: Samantha Cristoforetti, autrice di “Diario di un’apprendista astronauta” (La nave di Teseo; ore 16.00: Luciana Littizzetto, autrice di “Ogni cosa è fulminata” (Mondadori).
il 10 maggio - ore 19.00: Alessandro Baricco cCon il suo “Game over”.
l'11 maggio alle ore 10.30 Alberto Angela presenta “Cleopatra” (HarperCollins); ore 13.30: incontro con Aboubakar Soumahoro, autore di “Umanità in rivolta” (Feltrinelli); ore 16.00: Roberto Saviano, autore di “In mare non esistono taxi” (Contrasto); ore 17.30: incontro con Sophie Kinsella e Jojo Moyes autrici di “La famiglia prima di tutto!” e “Sono sempre io” (Mondadori); 11 maggio 2019 - ore 19: Jovanotti, "Lorenzo 2019. Il gioco del mondo".
Il 12 maggio  alle ore 15.30: "L’amica geniale, dal libro alla serie tv". In occasione della presentazione de "L’invenzione occasionale" di Elena Ferrante (Edizioni e/o); alle ore 18.30: Marco Travaglio con “Padrini fondatori” (PaperFirst).
Infine, il 13 maggio alle ore 16.00, incontro con Alessia Marcuzzi e Luciana Littizzetto, autrice di “In viaggio con Alessia “ (Mondadori Electa).

Per conoscere il programma degli eventi e le iniziative concomitanti che coinvolgono tutta la città di Torino, consultare il sito Internet www.salonelibro.it.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali