Isole mediterranee

Vulcano, perla dell’arcipelago delle Eolie

Vulcano, con Lipari, Lipari, Stromboli, Salina, Filicudi, Alicudi e Panarea, forma la collana di isole delle Eolie, al largo della costa settentrionale della Sicilia

03 Mag 2023 - 06:00
1 di 5
© Istockphoto © Istockphoto © Istockphoto © Istockphoto

© Istockphoto

© Istockphoto

Vulcano è una delle principali isole delle Eolie. Tutte di origine vulcanica, dichiarate per la loro bellezza e straordinarietà naturale Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco, sono un vero paradiso terrestre, con magnifiche spiagge, calette rocciose, mare di cristallo, piccoli borghi, storia antica, enogastronomia gustosissima.

La terra dei Ciclopi - Anche se non erutta dalla fine dell’800, continua ancor oggi l’attività vulcanica in quest’isola che gli antichi avevano eletto a sede dei Ciclopi. E così l’intenso odore di zolfo sprigionato dalle fumarole, si mescola nell’aria a quello delle ginestre. La prima cosa da fare per capirla, è salire fino al Grande cratere, dove la vista è meravigliosa e abbraccia il panorama completo di tutta l’isola e delle altre sei sorelle. Una vera emozione, anche se la salita è un po’ faticosa e il consiglio è di farla nelle ore meno calde. Quando il cielo è limpido si vede molto bene anche la costa tirrenica di Messina.

Spiagge di sabbia nera - Le spiagge dell’isola sono di straordinaria bellezza, con la loro sabbia scura d’origine vulcanica. La più famosa è appunto la cosiddetta Spiaggia di Sabbie Nere, un gioiello naturalistico incastonato nella Baia di Ponente. Il suo nome è legato alla presenza in passato di cavallucci marini. Il suo mare cristallino e i bassi suoi fondali la rendono ideale anche per i bambini. Altra attrattiva è la Spiaggia rocciosa delle Fumarole, con le acque scaldate dai vapori sulfurei, che in alcuni punti si vedono ribollire per effetto delle sorgenti sottomarine. Sulla costa meridionale di Vulcano si trova la bellissima Spiaggia del Gelso, con sabbia nera mista a ghiaia, e il mare azzurro e limpidissimo. Dominata da un alto faro, è ideale se desiderate tranquillità perché è meno semplice da raggiungere rispetto alle altre spiagge: ideale è arrivarci via mare.

La Grotta del Cavallo - Per fare il giro dell’isola, si può scegliere fra vari mezzi di trasporto a noleggio: bici, quad, mini-moke o anche un taxi e kayak. Immancabile è la visita alla Grotta del Cavallo, meglio se alla luce del pomeriggio: la si raggiunge solo via mare, ma non è difficile trovare in loco pescatori o barcaioli che organizzano gite in barca per visitare la grotta ed altre stupende le zone non raggiungibili via terra. Attualmente inaccessibile è invece il Laghetto dei fanghi sulfurei, dove la gente usava andare per cospargersi di fanghi benefici.

Escursioni imperdibili - Oltre a quella al Grande cratere, ci sono alcune escursioni da fare assolutamente, come quelle a Vulcanello e a Capo Grillo. Veramente bello è poi il giro dell’isola in motobarca con sosta alla Grotta del Cavallo e a Vulcano Gelso. E ancora, imperdibile è un tour nelle Grotte dell’allume.

Per maggiori informazioni: www.visitsicily.info

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri