FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Sardegna d'autunno, una vacanza totalizzante

Tra l’Ogliastra e la Barbagia l’isola presenta il suo aspetto più autentico, che l’autunno avvolge di magia

Niente di meglio dell’autunno per godersi la Sardegna

Tra l’Ogliastra e la Barbagia l’isola presenta il suo aspetto più autentico, che l’autunno avvolge di magia

Leggi Tutto Leggi Meno

Nella luce ambrata d’autunno la Sardegna di Ogliastra e Barbagia attrae turisti in cerca d’ispirazione per una vacanza più riflessiva, che senza la folla estiva può visitare i luoghi eccezionali dell’epoca pre-nuragica oltre che dedicarsi ad attività sportive come il trekking.

Nel cuore della Sardegna più aspra e selvaggia, ci sono luoghi dove si apprezza "il valore del ritmo delle parole che portano al silenzio" come a Ulassai, luogo natale dell’artista Maria Lai, che ha sconfitto l'isolamento con le sue opere d’arte, sparse nelle piazze, nelle strade e nei sentieri che portano alle montagne.

Stalagmiti giganti -

A Ulassai oltre che nelle strade e nelle piazze, l’opera di Maria Lai è custodita alla Stazione dell’Arte: 3 caseggiati della vecchia stazione ferroviaria conservano 150 opere dell’artista e ne raccontano la personalità umilmente innovativa, che seppe tessere una trama indissolubile tra la sua arte e il borgo. E proprio seguendo i fili di questa fitta trama si raggiunge la grotta di Su Marmuri, scavata nel corso dei millenni dalla forza delle acque e sito di una stalagmite gigante di ben 20 metri di altezza. In questo angolo di Sardegna l’antica storia della civiltà nuragica si intreccia con quella moderna e le leggende locali: a Osini troviamo un esteso complesso nuragico, Su Serbissi, costruito ad alta quota, con resti di 8 capanne, 2 tombe di giganti e 2 nuraghi monotorre. A pochi passi dal mare e a soli cinque chilometri da Tortolì si possono visitare i nuraghi s’Ortali e su Monti e nelle vicinanze una tomba di Giganti, due menhir e una Domus de Janas, tombe dell’età neolitica scavate nella roccia.

Spiaggette deliziose -

In questa terra, dove mare e montagna si abbracciano ci si può tuffare  nell’acqua cristallina della costa : partendo da nord, si incontrano le cale della costa di Baunei, raggiungibili solo via mare o a piedi come cala Luna, cala Sisine, cala Biriala, cala Mariolu, la spiaggia dei Gabbiani e cala Goloritzé. È il momento dell’anno ideale per indugiare nel silenzio di questi luoghi: lo sforzo fisico per raggiungerli è lenito dalla brezza marina e dal tiepido sole. Più a sud si incontrano scenari tra i più vari: baie di ciottoli tondi (Coccorocci), rocce rosse (Cala ‘ e Lua) e ampie spiagge (litorale di Orrì), tutte diverse tra loro. Riavvicinandosi a Ulassai  Jerzu dove si produce il Cannonau, uno dei vini più antichi dell’isola e che si dice essere uno degli elisir di lunga vita degli ogliastrini.  

Trekking e climbing -

Ogliastra e Barbagia si fondono naturalmente in quel sistema montuoso calcareo chiamato Supramonte, che si estende dalle pendici del Gennargentu fino al Golfo di Orosei: si tratta di una terra segnata da un susseguirsi di calette lambite da un mare da cartolina. Questa è la terra dei trekkers e dei climbers, ma è frequentata anche dagli amanti del parapendio. In particolare, proprio in autunno (e in primavera) viene organizzato il percorso di trekking ‘Selvaggio blu’: una settimana di cammino con ‘i piedi nell’aria’ (400 metri d’altitudine a picco sul mare) su sentieri antichi, strade impervie costruite dai carbonari e utilizzate poi dai pastori. Definisce il confine tra Ogliastra e Barbagia il canyon Su Gorropu, una gola lunga circa 1,5 km e profonda oltre 500 metri; un capolavoro della natura e scrigno di biodiversità dove possiamo trovare l’aquilegia nuragica, una delle 50 specie a rischio di estinzione del Mediterraneo, e fauna selvatica come il muflone, la martora, gatto selvatico, volpe e ghiro. Questo luogo aveva una forte valenza strategica nel passato come testimoniano i nuraghi circostanti.

Nuoro -

Lasciate le rocce, la flora e la fauna selvatiche, approdiamo a Nuoro, ricco di luighi dedicati alla cultura, alle eccellenze artigianali con interessanti sedi espositive. Come lo Spazio Ilisso (dall'omonima casa editrice qui fondata e qui tuttora attiva) contenuto all'interno di un'elegante dimora déco: le sale, una dopo l'altra, evidenziano la maestria degli scultori sardi del '900 - da Francesco Ciusa a Costantino Nivola, da Eugenio Tavolara a Gavino Tilocca. Al piano superiore che ospita le mostre temporanee, incontriamo ancora una volta Maria Lai, cui è dedicata la monografica del momento 'Maria Lai - Dall'Informale all'opera corale’ (fino al 27 novembre 2022). Da non perdere nel capoluogo il Museo del Costume, il maggiore Museo Etnografico della Sardegna, il Museo Archeologico Nazionale ‘Giorgio Asproni’, il Museo deleddiano, ospitato all’interno della casa natale della scrittrice nuorese Grazia Deledda e il MAN, museo d’arte della Provincia di Nuoro.

Il Museo Nivola -

A Orani, poco distante, il Museo Nivola è dedicato all’artista Costantino Nivola, all’arte contemporanea, al design, al paesaggio e alle tradizioni viventi. Attualmente si presenta come un complesso culturale in cui arte, architettura e natura dialogano armoniosamente grazie anche al parco su cui sorge la struttura e all’antica sorgente Su Cantaru che si trova al suo interno e che ancora oggi ricopre un ruolo simbolico e funzionale per gli abitanti del paese. Un luogo suggestivo che documenta l’opera dell’artista, il quale si insinua nelle strade del piccolo borgo: alle pareti delle case grandi riproduzioni fotografiche ritraggono Nivola attivo nel suo paese d’origine, che oggi sta finalmente attuando un suo progetto di riqualificazione, il ‘Pergolato Village’, all’interno del quale le candide abitazioni sono unite da uno zoccolo azzurro e da un esteso pergolato. Territorio, artigianato ed enogastronomia sono i protagonisti di un’altra iniziativa della Camera di Commercio di Nuoro: ‘Autunno in Barbagia’ è quello che ci vuole per chiudere un itinerario complesso che ha stimolato i 5 sensi e ora approva nelle cortes – i centro storici – alla scoperta di usi antichi, sapori di una volta e storia locale.

Per maggiori informazioni: www.sardegnaturismo.it


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali