FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Abruzzo green, il polmone verde dell' Europa

Camosci, aquile, il lupo e l'orso marsicano, tre parchi nazionali, molte zone protette regionali: un vero paradiso

In Abruzzo il 75% delle specie animali e vegetali d’Europa

L’Abruzzo vanta il titolo di “Regione Verde d’Europa” grazie alla presenza di ben tre Parchi Nazionali: il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il Parco Nazionale della Majella e il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga;  cui si aggiungono  il Parco Regionale naturale del Sirente-Velino, e l’Area marina protetta Torre del Cerrano e altre 38 aree protette, che rappresentano il 36,3% della superficie totale della regione. Un primato a livello europeo

La natura incontaminata e la dimensione wild della regione si estendono fino al mare d'Abruzzo, rendendo ancora più suggestiva la scoperta della costa . All'interno di queste aree naturali, disseminate sulla dorsale appenninica, sulle colline dell’entroterra e lungo i 130 km di costa, è custodito oltre il 75% delle specie animali e vegetali del continente europeo.

Gli orsi, i lupi e i camosci - Nella ricca varietà dei suoi habitat naturali, l’Abruzzo si presenta come uno straordinario laboratorio biologico per la conservazione della natura e degli ecosistemi, ospitando un gran numero di animali e piante che, un tempo presenti su tutto l’Appennino, trovano in Abruzzo il loro rifugio per evitare l’estinzione. Tra questi si annoverano il camoscio, il lupo appenninico e l’orso bruno marsicano: tre specie che devono esclusivamente alle montagne d’Abruzzo la propria conservazione. In particolare l’orso marsicano, che rappresenta proprio il simbolo del Parco d’Abruzzo, è una sottospecie differenziata geneticamente dagli orsi delle Alpi e rappresenta un endemismo esclusivo dell’Italia Centrale. Grazie ai monitoraggi genetici si stima la presenza di una popolazione di circa 50 esemplari nel territorio del Parco e zone limitrofe.

L’aquila e la lince - Tra le altre specie di casa nel Parco Nazionale della Majella ci sono l’aquila, la lince e la lontra, mentre il Parco Naturale Regionale del Sirente-Velino ospita il grifone, recentemente reintrodotto. L’Abruzzo si contraddistingue inoltre per la sua capacità di conservare specie naturali e animali che oggi sono tipiche delle tundre nordiche come il piviere tortolino, l’arvicola delle nevi e i cespuglieti di pino mugo, definiti dai biologi “relitti glaciali”.

Parco del Sirente Velino - All’interno del Parco Naturale Regionale del Sirente-Velino, istituito nel 1989, svettano gli omonimi monti Velino e Sirente molto apprezzati dagli escursionisti. Questi due massicci calcarei, tra cui si aprono gli altopiani delle Rocche, di Pezza e dei Prati del Sirente, sono caratterizzati da campi carsici e pareti rocciose, dalle gole di Celano e San Venanzio e dalle grotte di Stiffe. Qui vivono, oltre al lupo e all’orso, anche caprioli, cervi, volpi, cinghiali e la maestosa aquila reale.

Il Parco più antico - Il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, istituito nel 1923, è il più antico d’Italia e in esso sono concentrati quasi tutti i caratteri che contraddistinguono l’Appennino Centrale. Visitato da oltre un milione di persone ogni anno, si estende su 50.500 ettari occupando anche parte del Molise e del Lazio. La biodiversità del Parco è davvero ricca e comprende specie animali come i già citati lupo appenninico e l’orso bruno marsicano, vero e proprio simbolo del parco, oltre a camosci, cervi, tassi, faine, donnole, poiane, gheppi e falchi pellegrini. Molto varia anche la vegetazione che nei settori più assolati è dominata da aceri campestri, carpini, ornelli, roverelle, lecci, pruni e rose selvatiche, mentre ad alta quota è composta da boschi di cerro e querce, meli selvatici e faggete vetuste, di recente divenute patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

La “montagna sacra” - Il Parco Nazionale della Majella, istituito nel 1995, comprende 39 comuni nelle province di L’Aquila, Chieti e Pescara. L’ininterrotta presenza dell’uomo, testimoniata da giacimenti preistorici che risalgono sino al Paleolitico, costituisce l’identità peculiare di questo Parco, che è custode della natura e dell’uomo, come dimostrano le iscrizioni di pastori e briganti, le capanne a tholos, i tanti eremi e luoghi di culto che esprimono il fascino della Majella da sempre considerata una montagna sacra. 

Tracce di una storia importante - La posizione geografica, le caratteristiche altitudinali e la mutevolezza del clima rendono questa montagna unica nel suo genere e custode di una diversità biologica fra le più importanti d’Europa. Abitata da lupi, orsi, lontre, caprioli e cervi, ospita anche specie di uccelli protette come il gufo reale e il falco pellegrino. Le faggete ricoprono i versanti tra i 1.000 e i 1.800 metri, mentre sui crinali cresce il pino mugo. Nel Parco si possono visitare centri di grande interesse storico come l’antica Pacentro, le terme di Caramanico, Guardiagrele e la sua ricca produzione artistica e lo splendido centro storico rinascimentale e barocco di Pescocostanzo.

Il magnifico Gran Sasso - Istituito anch’esso nel 1995, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è uno dei parchi più grandi d’Italia e interessa marginalmente anche Lazio e Marche. Il suo territorio ha caratteri prettamente montani con scenari quasi alpini ed è formato dal massiccio del Gran Sasso d’Italia e dai Monti della Laga. Il parco ospita circa 2.300 specie vegetali, oltre un quinto dell’intera flora europea e più di un terzo del patrimonio floristico italiano, che includono: le faggete sulla Laga e sul versante teramano del Gran Sasso, i pascoli a Campo Imperatore e sul Voltigno e le magnifiche fioriture d’alta quota. Questo Parco si caratterizza inoltre per una comunione fra natura e presenza umana testimoniata dai numerosi paesi e castelli disseminati nel suo territorio come i piccoli borghi medievali fra i boschi della Laga e gli eremi della Montagna dei Fiori. Splendidi sono il centro rinascimentale di Campli di Civitella del Tronto, con la sua possente fortezza. Spettacolari  i ruderi di Castel Manfrino.

Per maggiori informazioni: www.abruzzoturismo.it 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali