FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dieci destinazioni per chi ama sognare in blu

Nella natura, tra villaggi colorati o in scenari di grande bellezza, tra il colore del mare, del cielo e di interi villaggi

Le mete per chi adora il colore blu

Ci sono angoli del mondo in cui tutto si colora di blu. Oltre al mare e al cielo, che questo colore ce l’hanno per natura, si tingono delle più varie sfumature di questo colore le case, interi villaggi, monumenti decorati in modo mirabile e prezioso. Alcune possiamo visitarle adesso, per altre dovremo aspettare che si allentino le restrizioni legate alla pandemia, ma per il momento possiamo ammirarle per immagini e inserirle nella nostra wish list di viaggio. 

SELVAGGIO BLU, BAUNEI, SARDEGNA - Un percorso di trekking piuttosto impegnativo, da suddividere su più giorni, in gran parte nel territorio di Baunei in Ogliastra, tra panorami di bellezza spettacolare nel cuore più selvaggio e autentico dell’isola. Richiede un buon allenamento, ma la bellezza del tracciato ricompensa della fatica.   


GROTTA AZZURRA, CAPRI – È una delle grotte più famose e incantevoli del Mediterraneo.  Per visitarla occorre aspettare i mesi estivi e una giornata con condizioni favorevoli, visto che si esplora solo dal mare e con piccole barche. La sua bellezza è dovuta ai giochi di luce che i raggi del sole creano con la sabbia candida del fondale e il turchese delle acque.  


MAUSOLEO DI GALLA PLACIDIA, RAVENNA – Milioni di tessere preziose, accostante per comporre incantevoli mosaici: il Mausoleo di Galla Placidia è uno scrigno di arte e di bellezza. I mosaici risalgono al V-VI secolo, sono dominati dal blu e dall’oro, e sono tra i più mirabili esempi di quest’arte. 


LAGO BLU, CHAMPOLUC, VALLE D’AOSTA - Questo grazioso laghetto è situato ai piedi del Monte Rosa a circa 2200 metri di altitudine ed è una delle mete più frequentate dagli escursionisti dell’alta Val d’Ayas, poco sopra Champoluc. L’escursione parte dalla frazione di Saint Jacques, a quota 1689 metri e ha un dislivello di 550 metri, ma la salita è piuttosto dolce. Il laghetto è incantevole e sembra a un passo dal cielo. 


OIA, SANTORINI, GRECIA - Questo pittoresco e celeberrimo villaggio è famoso in tutto il mondo per le sue case bianche, le cupole blu e, soprattutto lo sfondo indaco dell’insenatura sottostante. Sospesi tra il blu del mare e del cielo, da qui si ammirano i tramonti più romantici del mondo. 


GROTTE BLU, ZACINTO, GRECIA - Un suggestivo sistema di archi e grotte, situato all’estremità settentrionale dell’isola, con vista sulla vicina Cefalonia. L’acqua è di una limpidezza eccezionale e di mille tonalità di turchese, indaco e smeraldo, in spettacolare contrasto con le rocce bianche e dorate della costa. 


MURALLA ROJA, CALPE, SPAGNA – Il nome dell’edificio in italiano significa “Muro rosso”, ma una parte di questo labirintico complesso è all’insegna del blu. A strapiombo sul mare e in stile postmoderno, è stato realizzato alla fine degli anni Sessanta dall’architetto Ricardo Bofil a Calpe, cittadina spagnola sulla Costa Blanca, traendo ispirazione dall'architettura delle kasbah nordafricane. 


CHEFCHAOUEN, MAROCCO – Il borgo è chiamato anche Perla Blu del Marocco, dal colore particolare delle sue piccole case. È situato nel Marocco settentrionale, non lontano da Tangeri. Il centro storico, tutto dipinto nelle più varie tonalità di indaco, è Patrimonio dell’Umanità Unesco ed è considerato città sacra: il colore azzurro sarebbe infatti simbolo del colore del cielo e del paradiso. 


MOSCHEA BLU, ISTANBUL - è una delle più importanti moschee della città e una delle sue più celebri attrazioni turistiche. Prende nome dalle sfumature delle 21.043 piastrelle di ceramica turchese inserite nelle pareti e nella cupola, realizzate nella maiolica di İznik (l'antica Nicea). 


CHIESA BLU, BRATISLAVA – Situata nella parte orientale della Città Vecchia, questa suggestiva chiesa di culto cattolico è in stile Art Nouveau.  Edificata a partire dal 1907 su progetto dell'architetto ungherese Ödön Lechner, è dedicata a Santa Elisabetta, figlia di Andrea II d'Ungheria.   

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali