FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Donnavventura: Marrakech, la Città Rossa del Marocco

Alla scoperta della prima città imperiale e destinazione amatissima dai turisti di tutto il mondo.

Marrakech, la prima città imperiale, è una delle più frequentate città del Marocco.  La sua storia è millenaria, già nel 1020 d.C. il capo berbero degli Almoravidi, Youssef ben Tachfine, ne riconobbe il potenziale strategico.. Dopo l'assalto degli almohadi, tornò il sereno con l'arrivo del sultano Moulay Abdullah, che fece ricostruire la moschea e la medersa, fondò un centro per gli scambi commerciali per cristiani e una mellah, ovvero un quartiere ebraico. Ma è in tempi relativamente recenti, che la città si trasformò in una meta turistica vera e propria.  Tra il 1960 e il 1970 venne letteralmente presa d'assalto da artisti e musicisti provenienti da tutto il mondo. Dai Rolling Stones ai Beatles, dai Led Zeppellin a Yves Saint Laurent e Jean Paul Gautier.

Come la maggior parte delle città del Marocco, le principali attrattive si trovano all'interno della medina, dove spicca l'alto minareto della moschea Koutoubia, utile anche per orientarsi. Il minareto ha un'importanza architettonica, poiché questa torre di 70 metri originaria del XII secolo, venne presa a modello per la Giralda di Siviglia. Dalla moschea, cinque volte al giorno, si leva la voce del muezzin che richiama i fedeli alla preghiera. 


Il cuore pulsante della città è Djemaa el-Fnaa, l'immensa piazza che cambia volto dal giorno alla notte. Se fin dalle prime luci del mattino è popolata dai venditori ambulanti, dagli artisti di strada e dagli incantatori di serpenti, la sera, diventa un gigantesco emporio gastronomico a cielo aperto. Questo trambusto quotidiano ha origini lontane, pare, infatti, che sin dal 1050 d.C. avvenissero qui gli eventi principali della città, come le esecuzioni pubbliche, fatto da cui sembra aver tratto il nome che significa, per l'appunto, “assemblea di morti”.

 

La città, pur aprendosi alla cultura occidentale con il grande afflusso di turisti da tutto il mondo, conserva tutto il fascino e le tradizioni di un tempo.  Marrakech ha ispirato numerosi artisti che hanno tentato di raccontarla in libri, dipinti e pellicole cinematografiche; da ”L'uomo che sapeva troppo” di Alfred Hitchock a “Marrakech Express” di Gabriele Salvatores. Una destinazione che offre al viaggiatore infiniti modi per una personale e irripetibile scoperta.

Donnavvetura in Marocco: il fascino di Marrakech

La grande piazza Djemaa el-Fnaa, la moschea e la medina: a spasso in una città amatissima dai turisti. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali