FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Usa: per la prima volta approvata la vendita di carne coltivata in laboratorio

Sarà carne di pollo sintetica, creata senza uccidere animali. Primi esperimenti anche in Italia, ecco cosa c'è da sapere.

<address>Carne pollo laboratorio</address>
tgcom24

Mercoledì 21 giugno due aziende californiane hanno ricevuto l'approvazione dal Dipartimento Usa per l'Agricoltura (USDA) per la produzione e la vendita di carne di pollo cresciuta in laboratorio.

Questo cibo cresce a partire dalla moltiplicazione delle cellule muscolari degli animali: secondo i produttori sarebbe in tutto è per tutto nutriente come la carne convenzionale. Ma non necessita della morte di animali.

Le start-up della carne artificiale

 L'approvazione della Usda è avvenuta per le due società nascenti Upside Food e Good Meatcome riportato dal quotidiano The Washington Post. L'approvazione, in questo caso dopo una seconda ispezione, è avvenuta anche per l'azienda associata di Good Meat, Joinn Biologics. Si tratta delle prime aziende che avranno l'occasione di portare sui banchi dei supermercati questo prodotto atteso da anni dai più curiosi. Per il momento l'approvazione riguarda soltanto la carne sintetica di pollo

 

Come si fa la carne artificiale

 Le aziende che si occupano di questo settore nascente hanno dei laboratori in cui raccolgono cellule da animali veri e propri, cresciuti in condizioni ottimali. L'aspetto di questo alimento cresciuto in laboratorio è indistinguibile da quello della carne convenzionale, così come lo sarebbe il suo sapore. Ma presenta anche degli alti vantaggi, a partire da quello igienico-sanitario. La carne sintetica non necessita di iniezioni di antibiotici per crescere bene. Questo perché gli ambienti dei laboratori in cui avviene la crescita cellulare sono sterilizzati e qualsiasi operazione sugli alimenti viene effettuata da veri e propri scienziati, con tanto di guanti e camice. Anche in Italia ci sono delle start-up che stanno pensando di portare la carne artificiale nei supermercati del nostro Paese. Nel video qui sotto l'esempio di una start-up di carne sintetica con sede a Roma.

 

Problemi ambientali della carne

 La carne è una delle fonti di proteine più consumate al mondo, ma anche uno dei cibi con il più alto impatto ambientale. L'uomo ha bisogno di consumarla per ottenere vitamine essenziali, come la B-6 o la B-12. Queste vengono assunte sotto forma di integratori nelle diete vegane, ma necessitano comunque di essere prodotte - anche solo in minima parte - da fonti animali. L'alternativa delle carni sintetiche a quelle tradizionali è vista come un modo di mitigare il cambiamento climatico. E c'è un dibattito aperto su quanto profondo sarebbe l'impatto delle carni sintetiche. Per adesso ci sono pochi laboratori, essendo un settore economico nascente. Ma è difficile prevedere quanto un'industria sviluppata e con centinaia di migliaia di laboratori sparsi per il mondo potrebbe influire sul clima globale.

La carne tradizionale e il riscaldamento globale

 Secondo un'analisi del 2020 dell'agenzia dati inglese Our World in Data, effettuata su 38mila allevamenti sparsi in 119 Paesi, i prodotti di derivazione animale come le carni rosse producono da 10 a 50 volte più gas serra rispetto ai prodotti vegetali. La carne bovina svetta in cima alla classifica con un impatto ambientale quasi triplo rispetto a ogni altro tipo di carne animale. Ciò è dovuto soprattutto alle emissioni di metano delle stesse mucche durante tutte le fasi della crescita in allevamento. 60 chili di gas serra per produrre un chilo di manzo. Per generare un chilo di banane, ad esempio, occorrono solo 0,7 chili di gas serra.

 

Mangiare a chilometro zero

 Un'altra soluzione per ridurre il nostro impatto ambientale, sempre secondo lo studio, è di consumare prodotti quanto più vicini a dove viviamo. Le diete "a chilometro zero" generano meno emissioni perché tolgono buona parte della componente legata alla conservazione e al trasporto per lunghe distanze del cibo. Ma non è abbastanza. Stando a un altro studio del 2008, pubblicato sulla rivista Environmental Science & Technology, il trasporto e la conservazione della carne negli Usa concorrono solo per il 5% delle emissioni totali di gas serra. 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali