FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Intelligenza artificiale, da Londra parte la sfida: test sui nuovi modelli | Meloni: "Nessuno vuole fermare l'innovazione, ma trovare un punto di caduta"

Per il presidente del Consiglio l'AI può portare "grandi opportunità" ma allo stesso tempo "enormi rischi. Occorre, quindi, "evitare che la ricchezza si concentri nelle mani di pochi"

Gb, il summit sull'intelligenza artificiale

"Nessuno intende fermare l'innovazione o tornare all'epoca nella quale gli operai rompevano le macchine e qualcuno voleva fermare i treni a vapore".

Lo ha detto Giorgia Meloni in occasione del summit sull'intelligenza artificiale a Bletchley Park, in Gran Bretagna. "L'innovazione non va certo fermata - ha precisato il premier -, ma dobbiamo porci il problema che l'intelligenza artificiale rischia di essere un enorme acceleratore di ricchezza solo per pochi e a noi spetta di individuare il punto di caduta tra l'interesse di un governo, cioè ricchezza diffusa e posti di lavoro, e quello dell'impresa, cioè la massimizzazione dei profitti".

 

Intelligenza artificiale, da Londra parte la sfida: test sui nuovi modelli | Meloni: "Nessuno vuole fermare l'innovazione, ma trovare un punto di caduta" - foto 1
Tgcom24

 

Giorgia Meloni: "Servono regole e un quadro normativo adeguato"

 Al summit di Bletchley Park, luogo simbolo dove il team di Alan Turing creò la macchina per la decrittazione di Enigma, Giorgia Meloni ha ribadito l'appello lanciato più volte, anche all'assemblea generale dell'Onu, per una regolamentazione del settore: "Serve un quadro normativo adeguato altrimenti rischi enormi potrebbero derivare dal considerare le applicazioni dell'Intelligenza artificiale come "zone franche senza regole". 

 

 

Test sui nuovi modelli di AI prima del loro rilascio

 E l'AI Safety Summit organizzato da Rishi Sunak si è chiuso con quello che il primo ministro britannico ha annunciato come un "accordo storico con le aziende del settore". "Potremo testare la sicurezza dei nuovi modelli di AI prima che siano rilasciati", ha spiegato nella conferenza stampa a conclusione della due giorni di confronto fra governi, società specializzate ed esperti. L'obiettivo è accelerare sulla ricerca. Poi servirà uno sforzo di regolazione multilaterale, e in quest'ottica 28 Paesi hanno firmato la dichiarazione finale, accogliendo l'input di Sunak a uno sforzo per cercare di "padroneggiare i rischi" che "nessuno può contrastare da solo", a fronte delle enormi potenziali opportunità.

 

"Grandi opportunità ma anche enormi rischi"

 Anche per il presidente del Consiglio italiano l'IA può portare "grandi opportunità" ma allo stesso tempo "enormi rischi" che comprendono, tra le altre cose, "discriminazioni, intrusioni nella nostra vita privata, fino ad arrivare ad atti criminali", perché gli LLM-Large Language Model potrebbero essere utilizzati per "produrre armi, danni biologici a bassa tecnologia, attacchi informatici, facilitare la personalizzazione del phishing".

 

La "rivoluzione" dell'intelligenza artificiale

 Quella dell'AI è una "rivoluzione", ha sottolineato Meloni, ma rispetto a quelle del passato prefigura un mondo in cui il progresso "non ottimizza più le capacità umane, ma rischia di sostituirle", anche per i lavori intellettuali. Non solo, questa nuova tecnologia è destinata a "incidere marcatamente sugli scenari geopolitici e sugli equilibri attuali" creando disparità tra i Paesi da cui "possono nascere tensioni, se non addirittura conflitti".

 

E' tra le "priorità strategiche" del governo italiano

 La "priorità numero uno" è dunque fare in modo, superando la "lentezza decisionale", che l'AI sia "incentrata sull'uomo e controllata dall'uomo" con "meccanismi di governance multilaterali" ispirati all'"algoretica", ovvero l'etica agli algoritmi. L'intelligenza artificiale - ha assicurato Meloni - è tra le "priorità strategiche" del governo italiano che lavora per completare il Piano Strategico Nazionale per l'AI e per costituire un "Fondo specifico per sostenere le start-up italiane che operano nel settore".

 

L'AI sarà al centro della prossima Presidente italiana del G7

 Il tema sarà anche al centro della prossima Presidenza italiana del G7 per "favorire una governance condivisa, coinvolgendo sia il settore pubblico sia quello privato". Per Meloni è anche "molto importante" che l'AI "non crei un divario ancora più grande tra i ricchi e i poveri" e in particolare - ha detto - "siamo molto preoccupati per la classe media" che "rischia di essere cancellata".

 

A Roma una Conferenza internazionale su intelligenza artificiale e lavoro

 A questo proposito, ha annunciato il premier, "durante il G7 terremo a Roma una Conferenza internazionale su intelligenza artificiale e lavoro, alla quale vorremmo partecipassero studiosi, manager ed esperti di tutto il mondo che avranno l'opportunità di discutere metodi, iniziative e linee guida per garantire che l'AI aiuti e non sostituisca chi lavora, migliorandone invece le condizioni e le prospettive".

 

Il bilaterale Meloni-Sunak

 A margine dei lavori, Meloni ha avuto un incontro bilaterale con il premier inglese Rishi Sunak: i due hanno "condiviso l'impegno su come superare la crisi in Medio Oriente e l'urgenza di una gestione ordinata della questione migratoria.

 

Intelligenza artificiale, gli ultimi sviluppi e le applicazioni più avanzate

 

Chi si occupa di intelligenza artificiale?

 L'intelligenza artificiale è una disciplina che studia i metodi per creare sistemi in grado di svolgere compiti che normalmente richiedono l'intervento umano, come il riconoscimento di immagini, la comprensione del linguaggio naturale, la diagnosi medica o la guida autonoma. Chi se ne occupa sono gli esperti di informatica, matematica, ingegneria, psicologia, filosofia e altre scienze che contribuiscono a sviluppare algoritmi, modelli, software e hardware per realizzare applicazioni basate sull'AI. Questi professionisti possono lavorare in ambito accademico, industriale o pubblico, a seconda degli obiettivi e delle sfide che affrontano.

 

Cosa fa oggi l'intelligenza artificiale?

 Oggi l'AI è in grado di svolgere compiti sempre più complessi e sofisticati, che prima erano appannaggio esclusivo degli esseri umani. Ad esempio, l'intelligenza artificiale può riconoscere volti, voci e oggetti, tradurre testi e discorsi, giocare a scacchi, guidare auto e droni, aiutare a diagnosticare malattie e suggerire terapie, creare arte e musica, e molto altro ancora. L'AI può migliorare la qualità della vita, la sicurezza, l'istruzione, la comunicazione e l'innovazione, ma può anche generare sfide, rischi e dilemmi. Per questo motivo, è importante che sia sviluppata e usata in modo responsabile, trasparente e umano.

 

Quali sono le applicazioni AI?

 Le applicazioni dell'intelligenza artificiale sono molteplici e in continua evoluzione. Alcune delle più comuni sono: la traduzione automatica, che permette di convertire testi o discorsi da una lingua a un'altra con un elevato grado di accuratezza e fluidità. Il riconoscimento facciale, che consente di identificare le persone in base alle loro caratteristiche fisionomiche, con applicazioni nella sicurezza, nella biometria e nell'intrattenimento. Il machine learning, che consiste nell'apprendimento automatico da parte di un sistema informatico a partire da dati o esperienze, con lo scopo di migliorare le proprie prestazioni o risolvere problemi complessi. La generazione di testi, immagini (come il "finto" Papa Francesco con piumino bianco versione rapper) o suoni, che implica la creazione di contenuti originali e realistici a partire da parole chiave, immagini o audio, con usi nella comunicazione, nell'arte e nella didattica.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali