FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Facebook aggiorna le pagine: addio al "Mi piace", resta solo il "Segui"

La piattaforma di Mark Zuckerberg mira a un cambiamento anche etico: "seguire" implica un semplice interessamento e non esprime un giudizio positivo di gusto

Like, facebook
ansa

Facebook ha avviato la revisione delle pagine, sulle quali non comparirà più il tasto "Mi piace" ma solo quello "Segui". Fin dalla nascita del social network, il "Like" alle pagine è sempre stato il modo per determinarne il successo o l'insuccesso: un modo non solo per gli utenti di veder comparire i contenuti di quella pagina nel proprio feed di notizie, ma anche uno strumento, per la pagina stessa, di quantificare numericamente l'importanza e l'ampiezza della propria community. 

Differenza tra pagine e profili - Le pagine, a differenza dei singolo profili che possono essere privati, sono sempre pubbliche e, di solito, sono pagine aziendali o gestite da personaggi famosi, o comunque riconosciuti, che hanno un ampio seguito. Spesso sono usate per motivi commerciali, pubblicitari o per promuovere iniziative, opinioni, marchi, lavori e contenuti. Hanno, sostanzialmente e a differenza dei singoli account, una certa visibilità. 

 

 

La convivenza del "Segui" e del "Mi piace" - Adesso, appunto, le cose cambiano. Anche perché dopo l'introduzione del "Segui" (cioè la possibilità per gli utenti di seguire gli aggiornamenti di una pagina senza cliccare per forza il “Mi piace) si era generata una certa confusione e l'incapacità, per gli addetti ai lavori, per i gestori delle pagine e per i social media manager, di riuscire a determinare con certezza quale dei due numeri fosse più importante. 

 

No giudizi, sì aggiornamenti - Ma da qui in poi ne resterà soltanto uno. Il "Segui", appunto. Il che, nelle intenzioni del social network, implica un cambiamento anche "etico" e "morale". Mettere un "like", infatti, significa esprimere un giudizio di preferenza, e comunque di gusto e di piacere, nei confronti di una pagina, significa condividerne e apprezzarne i contenuti. Decidere, invece, di "seguirla" significa più semplicemente volerne ricevere gli aggiornamenti, essere interessati a quei contenuti e a quelle pubblicazioni senza per forza apprezzarli e condividerli. Dovrebbe, insomma, nelle intenzioni di Facebook, sparire una preferenza di gusto in favore della volontà di tenersi aggiornati. Dare attenzione invece di apprezzare: i social, d'altra parte, si basano soprattutto sui questo. 

 

"Ho vinto le elezioni": ma i social smentiscono subito il post di Trump

Donald Trump non sembra intenzionato ad arrendersi: oltre a non aver "concesso" la vittoria a Joe Biden (consetudine dovuta comunque unicamente al fair play politico), il presidente uscente continua a insistere nel sostenere di aver vinto le elezioni. Ma l'ultimo post sui social, un brevissimo "Ho vinto le elezioni", è stato immediatamente smentito da Facebook e da Twitter, che hanno "agganciato" una nota nella quale si sottolinea che le proiezioni dicono invece il contrario, attribuendo la vittoria a Biden.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali