FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Piero Chiambretti: "Non lascio la tv, anzi raddoppio. E mi tengo anche il frigo"

Il conduttore, dopo la terribile esperienza del coronavirus, ha parlato del suo futuro a "La Stampa", precisando poi via social le sue intenzioni, travisate da un "titolo inappropriato"


Dopo l'esperienza traumatica e tragica del coronavirus, che lo ha colpito ma soprattutto gli ha portato via mamma Felicita, Piero Chiambretti guarda avanti. In un post su Instagram ha scritto "Non lascio la tv anzi raddoppio e mi tengo anche il frigo". Una precisazione in merito a un'intervista a "La Stampa" che era stata titolata a suo dire in maniera "inappropriata". Il conduttore però dice di non avere ancora idea di che tipo di programma farà.  

LEGGI ANCHE: Piero Chiambretti è guarito dal coronavirus: "Un messaggio di speranza che voglio condividere"

 

Per Chiambretti sono stati mesi duri, dolorosi, di quelli che lasciano un segno per sempre. Lo spunto per l'intervista al quotidiano torinese è stato il ritorno al "Mauriziano" dove è stato ricoverato insieme a sua mamma, il 15 marzo. Il conduttore ha partecipato a una celebrazione laica dedicata alle vittime del coronavirus.

 

"Dietro quelle due settimane in ospedale ci sono la malattia, la morte di mia madre, il senso della vita che è cambiato, il ripensamento delle mie scelte professionali - dice lui -. E' stata un'esperienza troppo personale, troppo dolorosa per farla diventare fenomeno da baraccone". 

 

 

Riguardo al futuro professionale il conduttore racconta che vorrebbe qualcosa di nuovo. "Non ho ancora definito con Mediaset i programmi per la prossima stagione - dice -. Vorrei che l'anno nuovo portasse vita nuova. Mi piacerebbe fare qualcosa che non ho mai fatto prima, di diverso". E a tal proposito guarda alla purezza e all'innocenza dei più piccoli. "Un programma in prima serata in cui i bambini si sostituiscono agli adulti - spiega -. Si dice sempre che saranno loro i grandi di domani, ma molte volte sono già i grandi di oggi". Per Chiambretti si tratta di una possibilità, non di una certezza. "Questa di massima sarebbe l'idea - chiude -. Poi si sa, la televisione è peggio del calcio: tutti i giorni si può cambiare idea".

 

POTREBBE INTERESSARTI:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali