FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morgan: "Mi vogliono sbattere fuori di casa, dormirò sul marciapiede"

Il 5 giugno dovrà lasciare la sua abitazione, ma promette di dare battaglia

Morgan: "Mi vogliono sbattere fuori di casa, dormirò sul marciapiede"

Dopo il pignoramento e la vendita all'asta, Morgan il 5 giugno dovrà dire addio alla sua casa. L'artista e giudice televisivo si sfoga sulle pagine di "Libero", assicurando che non se ne andrà facilmente: "Se verranno a sbattermi fuori dormirò sul marciapiede davanti a casa, come un cane che non vuole abbandonare la propria dimora. Non la lascerò facilmente, c'è tutta la mia vita umana e professionale".

"(Lo sfratto) Legalmente è una cosa giusta, ma profondamente sbagliata. Trovo pazzesco non avere la possibilità di rimediare. Vengo trattato alla stregua di un assassino. Dove vivi ti consente di avere dignità", ha continuato. "Vorrei chiedere aiuto alle mamme delle mie figlie prima di tutto. Ad Asia, che è stata la causa principale, con un pignoramento, di tutto il procedimento giudiziario. In questo momento alcuni amici si stanno muovendo per una 'cordata' che cerchi di farmi avere i soldi per ricomprarla".

Per il momento Morgan non sa ancora dove andare a vivere, se si arrivasse allo sfratto: "Morgan è un nome pesante e nessuno se la sente di affittarmi casa, Inoltre il pignoramento e lo sgombero rappresentano un fatto grave che mi rende economicamente inaffidabile. Dormirò sul marciapiede davanti a casa. C'è tutta la mia vita, non la lascerò mai. E' la casa che voglio venga data alle mie figlie, devono sapere chi era il loro papà".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali