FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Morgan, bloccato sgombero forzato beni da casa sua: "Tutto rimane dovʼè"

Lo ha deciso il Tribunale Fallimentare di Monza

Morgan, bloccato sgombero forzato beni da casa sua: "Tutto rimane dov'è"

Manoscritti, tecnologia, libri, dischi e molto altro ancora. Tutto resta dov'è, ovvero nella “casa gialla" di Morgan, all'anagrafe Marco Castoldi, in via Adamello a Monza. Lo ha deciso il Tribunale Fallimentare della cittadina lombarda, che ha bloccato lo sgombero forzato dei beni del musicista brianzolo, previsto per oggi.

Lo ha comunicato lo stesso cantautore che, dato mandato al suo avvocato Roberto Iannacone, si è opposto al pignoramento della sua abitazione di Monza, deciso dal giudice a causa dei mancati pagamenti dell'assegno di mantenimento alle sue due figlie.

"I magistrati stanno agendo in modo inaspettatamente riguardoso del valore contenuto nella 'casa gialla'", ha dichiarato l'artista. "Tutto quello che c'è dentro", tra cui "tecnologia e i teatrini di legno, la costumeria di scena, gli arredi autocostruiti, le scritte sui muri, i quadri, le fotografie, tutto, tutto rimane dove sta", ha aggiunto. Poi Morgan ha concluso: "quando io e pochissimi amici abbiamo gridato 'giù le mani dall'arte' evidentemente non lo abbiamo fatto invano, perché chi ci doveva ascoltare lo ha fatto. Se ne riparla al processo, il 6 agosto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali